Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Quello che è successo ieri a Parigi

Immagine di copertina

Ha trent'anni, e va in giro con un fucile a pompa. A Parigi è caccia all'uomo

La folle giornata parigina del 18 novembre 2013, è iniziata alle 10.15 di mattina, con una sparatoria nella sede del quotidiano progressita “Liberation”: un uomo, armato di fucile a pompa è entrato e ha aperto il fuoco, ferendo alla schiena un fotografo di ventitre anni, che è ancora ricoverato in gravi condizioni. L’uomo è poi fuggito senza essere identificato.

Circa due ore dopo, intorno a mezzogiorno, c’è stata un’altra sparatoria – senza nessun ferito – davanti alla sede della banca Societé Générale, nel quartiere de La Défense. Si è subito pensato che potesse trattarsi dello stesso soggetto. Che successivamente è stato visto sugli Champs Elysées – da quello che si sa, condotto da un automobilista preso in ostaggio. Testimoni hanno raccontato che portasse con sé una borsa con dentro bombe a mano.

In un primo momento, il personale della “Maison de la Radio” (radio pubblica) era stato invitato a rientrate nella sede, perché lo sparatore si sarebbe trovato nei paraggi, ma poi dell’uomo si sono perse le tracce vicino alla fermata della ferrovia suburbana Avenue du Président Kennedy, non lontano dalla Torre Eiffel – e dalla radio. Durante il pomeriggio, poi, il sito di “Libération” – come riportato dall’account Twitter del giornale – non ha potuto essere aggiornato a causa di un attacco informatico. Nella serata di lunedì è tornato in funzione e il giornale ha diffuso la prima pagina odierna, in cui si legge: «Ha tirato fuori un fucile e ha sparato due volte».

Nel corso della giornata sono stati diffusi i primi identikit, e successivamente in serata è uscito l’identikit di un trentenne dai capelli corti – che non è stato ancora identificato. Il Procuratore di Parigi ha ammesso che si tratterebbe di un unico autore dei gesti, e ha chiesto la collaborazione a tutti i cittadini per le indagini: sono stati centinaia gli avvistamenti già segnalati e analizzati dagli investigatori.

La polizia è ancora impegnata in una caccia all’uomo per tutta Parigi.

Stando alle ricostruzioni, confermate anche dalle forze dell’ordine nel corso di una conferenza stampa, si tratterebbe della stessa persona che venerdì mattina è entrata nella sede di Parigi di “BFMTV”, il canale televisivo di news più visto in Francia, e ha minacciato i giornalisti presenti. La stessa “BFMTV” ha pubblicato un video in cui viene mostrata l’entrata dell’uomo nella sede della televisione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi