Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Quando Trump sarà ufficialmente presidente e quando si insedierà

Immagine di copertina

A che ora hanno chiuso i seggi elettorali negli stati chiave, quando verrà ufficialmente insignito della carica e altre cose utili da sapere

Il nuovo presidente degli Stati Uniti sarà formalmente eletto il 12 dicembre ed entrerà in carica il 20 gennaio 2017. Il nuovo comandante in capo americano non si elegge direttamente, ma con un sistema chiamato “electoral college”.

Ogni stato elegge con un sistema maggioritario – chi ha un voto in più li prende tutti – un gruppo di cosiddetti Grandi Elettori. Accade così in ogni singolo stato americano, fatto salvo per Maine e Nebraska, dove è possibile che anche chi perde possa eleggere un delegato.

Il collegio elettorale è composto da 538 grandi elettori. Per diventare presidente, un candidato deve ottenere i voti di almeno 270 grandi elettori. 

Qui di seguito tutti gli orari di questa nottata elettorale:

Il nome del nuovo presidente è stato diffuso intorno alle 8:30 di questa mattina, mercoledì 9 novembre. 

Alla mezzanotte (ora italiana) hanno chiuso i seggi in Indiana e Kentucky;

All’una (ora italiana) è stata la volta di Florida, Georgia e Virginia, tre stati in bilico. C’è grande attesa per conoscere il risultato dello stato della Florida, uno dei più importanti per la corsa alla Casa Bianca. 

All’una e trenta (ora italiana) è toccato ad Ohio, North Carolina e West Virginia. 

Alle due (ora italiana) hanno chiuso i seggi di molti stati, tra cui gli attesissimi Michigan e Pennsylvania.

Alle tre e alle quattro (ora italiana) sono emersi i primi risultati per gli stati di Iowa e Nevada. Quest’ultimo è definito il Bellwether state, vale a dire lo stato che indicherebbe, in base al risultato, il nuovo nome del presidente. Dal 1976 ad oggi è accaduto 9 volte su 10, ma in questa tornata non è successo.

Alle cinque del mattino (ora italiana), gli ultimi seggi a chiudere sono stati quelli della costa ovest, con la California in testa. 

— LEGGI ANCHE: Donald Trump è il nuovo presidente degli Stati Uniti

— LEGGI ANCHE: Cosa succede ora che Trump è il nuovo presidente degli Stati Uniti

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa: la polizia di Los Angeles e la DEA aprono un’indagine sulla morte di Matthew Perry
Esteri / Papa Francesco: “No alle donne diacono e non si possono benedire le unioni omosessuali”
Esteri / Gaza: oltre 35.700 morti e quasi 80mila feriti dal 7 ottobre. Nessun servizio sanitario a Gaza City e nel nord della Striscia. Idf schierano un’altra brigata a Rafah. Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno lo Stato di Palestina. Israele convoca gli ambasciatori. Critiche dalla Casa bianca. La Francia: "Non è il momento". Netanyahu: "Sarebbe uno Stato terrorista"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa: la polizia di Los Angeles e la DEA aprono un’indagine sulla morte di Matthew Perry
Esteri / Papa Francesco: “No alle donne diacono e non si possono benedire le unioni omosessuali”
Esteri / Gaza: oltre 35.700 morti e quasi 80mila feriti dal 7 ottobre. Nessun servizio sanitario a Gaza City e nel nord della Striscia. Idf schierano un’altra brigata a Rafah. Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno lo Stato di Palestina. Israele convoca gli ambasciatori. Critiche dalla Casa bianca. La Francia: "Non è il momento". Netanyahu: "Sarebbe uno Stato terrorista"
Esteri / Migliaia di migranti abbandonati nel deserto con i fondi dell’Ue: una nuova inchiesta svela il coinvolgimento di Bruxelles
Esteri / Turbolenza sul volo Londra-Singapore: un morto e 54 feriti
Esteri / A Gaza oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Corte penale internazionale". Sequestrate attrezzature tv nella sede di AP a Sderot: "Fornivano immagini ad al-Jazeera". Iran, le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi