Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Putin contro i polli americani

Scatta la ritorsione della Russia contro i Paesi occidentali. Stop alle importazioni alimentari da Europa, Australia e Stati Uniti

Di Eleonora Cortopassi ed Eleonora Cosmelli
Pubblicato il 7 Ago. 2014 alle 15:15 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 20:14
0
Immagine di copertina

Putin ha risposto alle sanzioni imposte alla Russia dai Paesi occidentali in seguito all’annessione della Crimea. E ha chiuso per un anno l’importazione dall’estero di alcuni prodotti alimentari.

I latticini ucraini, le mele polacche e il pollame americano non varcheranno più i confini del Paese.

È la prima volta che il presidente russo fa un riferimento esplicito alle sanzioni, sebbene alcuni prodotti non venissero importati già da un po’: fino a ieri, il blocco veniva giustificato da ragioni sanitarie.

Per non provocare un aumento dell’inflazione (attualmente superiore al 7 per cento), Putin ha ordinato un aumento della produzione locale corrispondente al costo dell’embargo.

La Russia importa più del 40 per cento dei suoi prodotti alimentari ed è il mercato più grande dell’esportazione di frutta e verdura provenienti dall’Europa. Per quanto riguarda l’Italia, vengono indicate: uva da vino, frutta e pasta.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.