Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Le donne polacche in piazza contro una proposta di legge che vieta l’aborto

Immagine di copertina

Le dimostranti hanno scioperato in tutto il paese vestite di nero per rivendicare il proprio diritto all'interruzione di gravidanza

Migliaia di donne vestite di nero hanno scioperato in tutta la Polonia lunedì 3 ottobre 2016, facendo chiudere ristoranti, uffici governativi e facoltà universitarie, nonché bloccando l’accesso alla sede del partito di governo a Varsavia, per protestare contro la proposta di legge per vietare l’aborto.

La normativa proposta da un gruppo indipendente impedirebbe qualsiasi interruzione di gravidanza, in un paese in cui l’aborto è già sottoposto a norme molto restrittive ed è consentito solo in caso di stupro, incesto o minaccia alla salute della madre, oppure quando il bambino potrebbe nascere con disabilità permanenti.

Non è chiaro se il governo del partito conservatore Legge e giustizia intenda appoggiare la proposta di legge, avanzata dal gruppo Ordo Iuris, ma la possibilità di nuove restrizioni ha innescato dibattiti intensi nel paese cattolico.

Vestite di nero, le donne hanno intonato cori come “Vogliamo medici, non missionari”. “Non sono andata a lavorare oggi”, ha detto Gabriela, una ricercatrice di 41 anni di Varsavia.

“Stanno violando i nostri diritti civili, e voglio dare il mio sostegno a tutte quelle donne che potrebbero esserne danneggiate, che potrebbero vedersi negata l’assistenza medica e forzate a mettere al mondo un figlio disabile, e lo sto facendo per mia figlia”.

I critici sostengono che la proposta di legge potrebbe scoraggiare i medici dal condurre test prenatali, specialmente quelli che mettono a rischio la gestazione, e nel caso di gravidanze extrauterine.

La proposta consente l’aborto solo nel caso in cui la vita della madre sia in pericolo.

Le donne e i medici che invece decidono di perseguire l’aborto sarebbero a rischio detenzione per aver causato la “morte di un bambino concepito”.

Secondo gli attivisti, molti medici si rifiutano, com’è loro legalmente concesso, di praticare l’aborto per via delle loro convinzioni morali e religiose.

Questo costringe decine di migliaia di donne a sottoporsi a procedure illegali o a recarsi oltreconfine in Germania o Slovacchia.

LEGGI ANCHE: LA PROTESTA DELLE DONNE POLACCHE CONTRO LA LEGGE SUL DIVIETO QUASI TOTALE ALL’ABORTO 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown
Esteri / Iran, ragazzo di 20 anni decapitato dai suoi familiari perché gay
Esteri / L’uomo con 151 figli e 16 mogli: “Il mio lavoro è soddisfarle sessualmente”
Esteri / L’ex miss Myanmar si unisce alla lotta contro la dittatura militare: “Combatto per il mio Paese”
Esteri / David Grossman: “Il dialogo è fallito, la violenza fra arabi ed ebrei spezza il sogno della coesistenza”