Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In India è scoppiata una rivolta dopo la condanna per stupro di un leader religioso

Immagine di copertina

Ci sono stati 28 morti e decine di feriti in seguito alle violenze scoppiate nella città di Panchkula nel nord del paese. Circa 2.500 seguaci di Gurmeet Ram Rahim Singh sono stati arrestati per atti di vandalismo

Almeno 28 persone sono morte durante violente proteste in seguito alla condanna per stupro nei confronti di un popolare leader religioso indiano, Gurmeet Ram Rahim Singh.

Gli scontri si sono verificati nella città Panchkula, vicino Chandigarh, nel nord del paese. Almeno due stazioni ferroviarie sono state incendiate. Circa 2.500 seguaci di Singh sono stati arrestati per atti di vandalismo, come distruzione di automobili e incendi di mezzi pubblici.

Singh, che afferma di avere milioni di discepoli, è stato dichiarato colpevole di aver violentato due donne nella sede della sua setta, conosciuta come Dera Sacha Sauda, nel 2002.
Più di 200mila suoi seguaci si erano radunati a Chandigarh in attesa del verdetto dei giudici.

Migliaia di uomini dell’esercito e della polizia sono stati schierati. Sono intervenuti con gas lacrimogeni e cannoni ad acqua sulla folla per cercare di ripristinare il controllo della situazione. La violenza si è diffusa anche nella capitale indiana, Delhi, dove due vagoni di un treno vuoto sono stati dati alle fiamme.

Le autorità della capitale indiana hanno fatto ricorso alla sezione 144 del codice penale del paese asiatico che punisce le riunioni sediziose con la reclusione dei partecipanti fino a due anni. In altre località a nord di New Delhi, dove Singh è molto popolare, è stato invece imposto il coprifuoco dalle forze di sicurezza indiane.

Gurmeet Ram Rahim Singh è il controverso leader della setta di Dera Sacha Sauda, ​​che afferma di avere 60 milioni di seguaci in tutto il mondo. L’uomo è a capo della setta, definita come un’organizzazione sociale e spirituale senza scopo di lucro da quando aveva 23 anni. Singh, noto per indossare abiti dai colori sgargianti e con lustrini, si esibisce a concerti rock, recita in alcuni film e ha anche una propria linea di prodotti alimentari.

È stato indagato per omicidio e stupro, accuse che nega e inoltre è stato accusato di voler costringere i suoi seguaci a subire la castrazione per avvicinarsi a Dio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Esteri / Il Tribunale di Budapest chiede all’Europarlamento di sospendere l’immunità a Ilaria Salis
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Esteri / Il Tribunale di Budapest chiede all’Europarlamento di sospendere l’immunità a Ilaria Salis
Esteri / Scivola dal tapis roulant e precipita dalla finestra: muore a 22 anni
Esteri / Julian Assange è libero: torna in Australia dopo aver patteggiato con gli Usa
Esteri / Gaza, Oms: "Impedita evacuazione di 2.000 feriti da Rafah"
Esteri / Media: 8 palestinesi uccisi in un raid israeliano a Gaza. Borrell: “La guerra sta per espandersi”
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”