Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Catalogna: ancora proteste nella notte, almeno 80 feriti negli scontri tra manifestanti e polizia

Immagine di copertina

Le manifestazioni si sono tenute in diverse città della Spagna: da Barcellona a Girona sino a Tarragona e Madrid

Catalogna: ancora proteste nella notte, almeno 80 feriti negli scontri

Non si arrestano le proteste in Catalogna in seguito alla condanna di 12 leader indipendentisti catalani: anche nella notte tra mercoledì 16 e giovedì 17 vi sono stati numerosi gli scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine con un bilancio finale che è di almeno 80 feriti.

Le manifestazioni si sono tenute in diverse città della Spagna: da Barcellona a Girona sino a Tarragona.

Si tratta del terzo giorno di proteste, scoppiate in seguito alla condanna di 12 leader indipendentisti catalani, sancita lunedì 14 ottobre 2019 dalla Corte Suprema di Spagna.

Spagna, condanne da 9 a 13 anni per i leader indipendentisti della Catalogna

Così come nei giorni precedenti, anche nelle proteste che si sono svolte nella notte tra mercoledì e giovedì si sono verificati diversi scontri tra le forze dell’ordine e una parte dei manifestanti, che hanno portato, come detto in precedenza, a un bilancio finale di 80 feriti, di cui 28 a Barcellona e 5 a Girona.

A riferirlo sono i servizi medici d’emergenza, citati dai media spagnoli.

Sui social network, intanto, circolano diversi video e immagini dei violenti scontri che si sono verificati a Barcellona.

Tre persone, invece, sono state arrestate a Madrid dove si è svolta una manifestazione di solidarietà con i leader catalani condannati e alla quale hanno partecipato circa 500 persone.

Intanto, il presidente del governo catalano Quim Torra ha lanciato un appello ai manifestanti affinché la protesta sia pacifica.

“Non ci sono giustificazioni per bruciare le auto né per qualsiasi atto di vandalismo. La protesta deve sempre essere pacifica” ha dichiarato Torra.

“Non possiamo permettere che un gruppo di infiltrati danneggino l’immagine dell’indipendentismo” ha poi aggiunto il presidente catalano attribuendo, dunque, le responsabilità delle violenze a gruppi estranei.

Le proteste dovrebbero andare avanti almeno fino a venerdì.

Secondo giorno di proteste in Catalogna: 51 arresti e 200 feriti

Ti potrebbe interessare
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio
Esteri / Biden annuncia lo stop ai brevetti sui vaccini: "Tempi straordinari richiedono misure straordinarie"
Esteri / Facebook conferma il bando di Trump. Il tycoon sfida il social e lancia la sua piattaforma: “La pagheranno”
Esteri / Basta camerieri, ok a scienziati e ingegneri: al via la stretta sull’immigrazione del Regno Unito