Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La protesta delle studentesse colombiane a cui hanno vietato di indossare la minigonna

Immagine di copertina

Il 30 gennaio 2018 la Pontifical Bolivarian University di Medellín, in Colombia, ha chiesto alle studentesse di non indossare minigonne e scollature, per evitare di “distrarre compagni di classe e insegnanti”.

I “consigli” sono stati pubblicati sul sito dell’università, scatenando le proteste di studenti e studentesse, che hanno lanciato una campagna online per chiedere a tutti gli universitari della UPB (maschi e femmine) di indossare gonne corte al campus in segno di protesta giovedì 8 febbraio 2018.

L’università ha quindi diffuso un comunicato in cui spiega che i consigli erano semplicemente indicazioni generali.

“La UPB rispetta il diritto di esprimere la personalità, e non ha mai imposto alcun dress code agli studenti” si legge nella dichiarazione.

Tuttavia il titolo del post originale, ora cancellato dal sito, era “Come dovresti vestirti per andare in università?”, e suggeriva di indossare capi che non dessero troppo nell’occhio.

“Non c’è niente di più spiacevole che distrarre i tuoi compagni di classe o insegnati. Per questo motivo, suggeriamo di non indossare scollature ampie, gonne corte o vestiti aderenti”.

La protesta degli studenti è stata documentata sui social con l’hashtag #UPBEnFalda (UPB in minigonna), e l’8 gennaio 2018 su twitter sono apparse numerosissime foto di alunni e alunne in minigonna e pantaloncini.

 

La studentessa Helena Múnera ha scritto in un post su twitter: “Chi pensa che stiamo combattendo per il diritto di indossare gonne corte o scollature sbaglia. Stiamo chiedendo di finirla coi messaggi che incoraggiano la mancanza di rispetto verso le donne”

 

 

Non è la prima volta che l’università viene accusata di sessismo: nel 2015 la UPB aveva infatti lanciato una summer school per le bambine dai 5 ai 10 anni per insegnare loro le buone maniere, chiamata “cose da femmine”.

 

 

L’associazione Temblores, di Bogotà, ha stilato un elenco di consigli alternativi, dicendo ai ragazzi “vestitevi come volete, in un modo che possa esprimere la vostra personalità”.

“Non c’è niente di più spiacevole che essere accusat* o discriminat* da tuoi compagni di classe e professori, per questo suggeriamo di dar loro questi consigli contro il sessismo istituzionale”

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”