Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Migliaia di persone hanno protestato contro una base militare americana in Germania

Immagine di copertina

I manifestanti sono contrari all'uso dei droni nelle operazioni militari e chiedono la chiusura della stazione satellitare annessa alla base

Alcune migliaia di manifestanti hanno formato una catena umana attorno al perimetro di una base aerea degli Stati Uniti nel sudovest della Germania sabato 11 giugno 2016 per protestare contro le operazioni effettuate dai droni americani.

La manifestazione è stata organizzata dal gruppo “Stop Ramstein – No Drone War” secondo cui la base trasmette informazioni negli Stati Uniti e ai droni controllati a distanza che operano in Iraq, Afghanistan, Pakistan, Yemen e Siria.

La polizia stima che tre-quattromila persone hanno partecipato alla protesta presso la base, che è il quartier generale delle forze aeree americane in Europa.

Secondo gli organizzatori si è trattato di cinque-settemila persone. Gli ufficiali di stanza a Ramstein non hanno invece rilasciato dichiarazioni.

In Germania, l’uso di droni è molto controverso ed è diffuso un generale sentimento di avversità nei confronti degli interventi militari.

Secondo i manifestanti consentire che le informazioni raccolte a Ramstein vengano utilizzate per il dispiegamento dei droni è contrario alla costituzione tedesca e chiedono che la stazione satellitare annessa alla base sia chiusa.

A quasi 15 anni dalla prima missione di un drone militare armato di missili, il programma militare americano è cresciuto sino a essere regolarmente usato per operazioni di sorveglianza e raid.

Il presidente Barack Obama ha approvato il mese scorso il raid di un drone che ha ucciso il leader dei Taliban Mullah Akhtar Mansour in Pakistan.

Tuttavia i detrattori sostengono che spesso i droni non inquadrano il bersaglio e possono fare affidamento sulle informazioni provenienti dal terreno solo parzialmente, dato che chi controlla il drone si trova dietro a uno schermo lontano dal teatro di guerra.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"