Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il folle progetto degli scienziati per ricongelare il polo nord

Immagine di copertina

Alcuni ricercatori hanno proposto un piano per contrastare lo scioglimento dei ghiacciai artici. Servirebbero 400 miliardi di euro e 100 milioni di tonnellate d'acciaio

Le temperature nell’Artide sono 20°C più elevate rispetto alla media annuale, con gravi conseguenze per lo scioglimento dei ghiacci e l’innalzamento del livello delle acque. La comunità scientifica mondiale lancia da anni messaggi per fermare questa situazione, ma l’interesse dei governi ad agire è limitato, per questioni economiche e di interesse politico.

Tra le proposte di intervento, l’ultima in ordine temporale sembra davvero “fantascientica”. Il fisico Steven Desch e i suoi colleghi dell’Arizona State University vogliono cercare di ricongelare l’Artide, la regione che circonda il polo nord. In una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Earh’s Future, i ricercatori mostrano che dieci milioni di pompe alimentate con la forza del vento potrebbero “sparare” fino a un metro di ghiaccio in più sullo strato già presente. 

“Al momento la strategia principale che utilizziamo è invitare le persone a non usare combustibili fossili, ma questo non basta”, spiega Desch, giustificando la propria proposta. “Avere strati di ghiaccio più spessi significa rallentarne lo scioglimento”. 

L’iniziativa ha un approccio teorico sensato, ma il problema sembra risiedere nei numeri richiesti da questa operazione. I costi si aggirebbero sui 400 miliardi di euro, un quinto del Prodotto interno lordo dell’Italia. Per costruire i milioni di pompe necessarie, servirebbero 100 milioni di tonnellate di acciaio. 

Secondo i dati, l’enorme sforzo economico porterebbe i risultati sperati. Se implementato entro il 2030, il livello dei ghiacci artici rimarrebbe quello odierno. Basso rispetto al passato, ma migliore rispetto a quello catastrofico previsto per quella data.

Non è la prima volta che gli scienziati propongono interventi di questo tipo per combattere la scomparsa del ghiaccio al polo nord. Per esempio, si era proposto di cospargere l’Artide con particelle riflettenti e nuvole artificiali, in grado di far rimbalzare il calore del sole.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico