Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Minacce, pedinamenti e intimidazioni, ma non mi arrendo”: cosa vuol dire essere una producer tv donna in Afghanistan

Immagine di copertina

Informazione, intrattenimento? Comunicazione e parità di genere sul posto di lavoro? Vade-retro.

Per i Talebani, che ancora tentano di controllare le cose in Afghanistan, sono un abominio, soprattutto se i programmi e le news sono in “occidental style”.

Ma Whajiha Saidy non ha mai avuto nessuna intenzione di farsi influenzare dal clima di terrore e dalle minacce. Oggi, dopo tanta fatica e sacrifici, è una senior producer per Tolo Tv, una delle principali emittenti televisive dell’Afghanistan.

In particolare, Wajiha è la responsabile della versione afgana dello show televisivo per bambini Sesami Street, Baghch-E-Sismim, un programma educativo che mira a insegnare ai bambini valori come l’istruzione e il rispetto per gli altri.

La novità di questa stagione è l’arrivo, tra i personaggi, del primo muppet afgano: è una “femmina”, si chiama Zari, il cui nome significa “scintillante”, ed è una creatura immaginata e fortemente voluta da Wajiha.

“Quando hanno deciso di appoggiare la mia idea pensavo fosse uno scherzo – ha raccontato la producer – perché erano mesi che mi battevo per quest’idea del pupazzo femminile, ma quando ho visto gli schizzi e il plot del copione ho realizzato che si stava compiendo una piccola rivoluzione”.

Zari, infatti, è un personaggio che si rivolge direttamente alle bambine e con parole semplici e scenette divertente promuove i diritti delle donne.

L’idea di Wajiha è stata accettata dal responsabile dell’emittente, un uomo, che ha capito l’importanza dell’esperimento educativo. In un Paese dove durante il regime talebano, tra il 1996 e il 2001, in Afghanistan le ragazze non avevano accesso all’istruzione, oggi c’è ancora un bassissimo tasso di alfabetizzazione femminile e le bambine tuttora crescono con l’idea che studiare non serva a nulla.

Ma altre donne, invece, continuano a lottare per la propria emancipazione sul lavoro, anche in settori prima a loro totalmente vietati. E Tolo tv è un esempio.

Il nuovo muppet, infatti, ed è stata questa l’altra richiesta esplicita di Wajiha, è animato da una donna in carne. Una novità dal momento che precedentemente, e in generale è così negli show televisivi afgani, le voci femminile sono doppiate da uomini e risultano, quindi, forzatamente addolcite, acute e stridule. Questa volta no. Per espresso ordine della produttrice, la marionetta è governata dalla ventitreenne Mansoora.

“Sono molto soddisfatta del mio lavoro ma non è stato semplice, negli anni, far valere i miei diritti – ha raccontato Wajiha – Mi sono laureata in giornalismo all’Università Alberoni di Kapisa ma subito dopo aver discusso la mia tesi mi sono sentita persa e ho pensato di aver fatto un errore, perché nessuno mi dava credito. A quel tempo, soprattutto. Una donna laureata e per di più in giornalismo? Ma scherziamo….Poi un giorno ho visto un annuncio per un lavoro come produttore junior in Tolo TV. Ho fatto domanda e ho ottenuto il lavoro”.

Da allora Wajiha di gavetta ne ha fatta tanta e sebbene sia sempre rimasta a Tolo Tv, un ambiente “illuminato” e moderno, non sono mancate difficoltà interne e ostacoli.

Anche fuori dagli studi televisivi la carriera di Wajiha è stata intralciata da minacce anonime, seguite e pedinamenti e intimidazioni anche alla famiglia che, invece, l’ha sempre appoggiata. “Le avversità non mi spaventano”, ha sottolineato la producer.

“Sono abbastanza forte da difendermi, non mi arrendo mai e faccio del mio meglio per non mai meno dei miei colleghi uomini. È uno sforzo triplo. Però amo il mio lavoro e lo farò fino alla morte. Oggi lavoro per i bambini ma di tanto in tanto produco anche altri spettacoli importanti, come lo SLFC, che è spettacolo di arti marziali afghane e molti altri spettacoli in studio e all’aperto”.

L’Afghanistan sta faticosamente cercando di cambiare per il meglio. Le donne stanno lottando e hanno fatto molta strada ma c’è ancora tanto da lavorare.

“Donne come me hanno fatto tanti sacrifici per un obiettivo importante e tutte noi faremo in modo di mantenere il nostro risultato, lottando per i nostri diritti”, ha aggiunto Wajiha. Oggi Wajiha è la responsabile di un intero settore e supervisiona altre quattro donne battagliere.

La storia è la seconda puntata di una serie a cura di Bianca Senatore sulle donne afghane. Qui la prima: “Recito con gli uomini e per questo mi minacciano di morte”: storia di Mursal, giovane attrice afghana che lotta per l’emancipazione femminile

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un utente ha scoperto una base militare “segreta” nel deserto del Sahara con Google Earth
Costume / "The Prince", la dissacrante serie tv sulla royal family scandalizza il Regno Unito
Esteri / Molesta le assistenti di volo e scatta la lite: passeggero legato al sedile con lo scotch e arrestato
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un utente ha scoperto una base militare “segreta” nel deserto del Sahara con Google Earth
Costume / "The Prince", la dissacrante serie tv sulla royal family scandalizza il Regno Unito
Esteri / Molesta le assistenti di volo e scatta la lite: passeggero legato al sedile con lo scotch e arrestato
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole