Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Arrivato a Daraya, in Siria, il primo convoglio di aiuti umanitari

Immagine di copertina

Secondo l'Onu sono 4 milioni e mezzo i siriani che vivono in aree difficilmente raggiungibili e 400mila quelli che vivono in zone sotto assedio

Per la prima volta dallo scoppio della guerra civile in Siria nel 2011, un convoglio di aiuti umanitari della Croce Rossa Internazionale è arrivato mercoledì 1 giugno a Daraya, una città alla periferia meridionale di Damasco controllata dai ribelli e sotto assedio dell’esercito siriano di Bashar al Assad.

Un funzionario delle Nazioni Unite ha spiegato che i quattromila abitanti di Daraya non avevano più cibo, acqua pulita e medicine. Approfittando di un cessate il fuoco di 48 ore il convoglio ha consegnato beni di prima necessità come vaccini, latte per bambini e medicine.

Ad aprile il coordinatore degli aiuti umanitari delle Nazioni Unite Stephen O’Brien aveva accusato il governo di aver “ripetutamente ignorato” le richieste di far entrare convogli umanitari. Il mese scorso a un convoglio era stato addirittura impedito di entrare nella città.

L’Osservatorio siriano per i diritti umani ha documentato degli scontri tra i gruppi di ribelli e le truppe del regime nei dintorni di Daraya.

Secondo le Nazioni Unite, almeno quattro milioni e mezzo di persone vivono in aree della Siria “difficili da raggiungere” e circa 400mila in centri abitati sotto assedio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico
Esteri / Gaza: 37.266 vittime dal 7 ottobre. Msf: "7 morti, compresi 3 bambini, in un raid di Israele nel nord di Gaza". Hamas: due ostaggi uccisi in un attacco aereo israeliano a Rafah. Usa sanzionano un gruppo di estrema destra in Israele. Libano, raid dell’Idf: “1 morto e 7 civili feriti”. Il premier libanese Mikati: "Attacco terroristico". Hezbollah lancia razzi sul nord dello Stato ebraico. Media: "Idf propongono di rinunciare a Rafah e concentrarsi sul Libano"