Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La prima persona legalmente riconosciuta né uomo né donna negli Stati Uniti

Immagine di copertina

Jamie Shupe, un cinquantaduenne di Portland, Oregon è la prima persona che negli Stati Uniti ha visto riconosciuto il suo diritto a non definirsi con uno dei due generi

Jamie Shupe, un cittadino cinquantaduenne di Portland,
Oregon, è la prima persona che negli Stati Uniti ha visto legalmente riconosciuto
il suo diritto a non definirsi né uomo né donna.

Un giudice dell’Oregon ha infatti acconsentito alla
richiesta di Shupe – un ex sergente dell’esercito – di considerarsi esonerato
dalla classica classificazione binaria di genere, dopo essere stato
identificato come maschio alla nascita ma indicato come donna nei documenti di pensionamento
dall’esercito.

Shupe preferisce il pronome “loro”, e fino a 49
anni è stato un uomo sposato con una donna e con una figlia, ma a quel punto,
sentendosi intrappolato in un fisico non voluto, ha chiesto il supporto della
moglie, che ha accettato la sua volontà di diventare donna.

Dopo aver iniziato una terapia ormonale, Shupe si è però
reso conto che nemmeno il ruolo di donna al 100 per cento gli si addiceva: “Nessuna
quantità di ormoni mi farà mai sembrare una femmina”, ha detto al Guardian mostrando la sua calvizie, e
dichiarando di non aver intenzione di sottoporsi a un intervento chirurgico per
il cambio definitivo di sesso.

Shupe desiderava quindi una terza opzione, e ha trovato un
alleato nell’avvocato di Portland Lake Perriguey, che ha convinto il giudice Amy
Holmes Hehn a dare validità legale alla richiesta dell’uomo, definendo il suo
sesso “non binario”.

La moglie di Shupe ha dichiarato: “Questa è la persona
con cui ho trascorso la maggior parte della mia vita adulta. Abbiamo una figlia
insieme. Mi sono sempre vista con lui da anziana, su una sedia a dondolo, e la
penso ancora così. Quando si ama qualcuno, si augura loro di stare in pace con
se stessi”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa