Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il prete sbaglia la formula per decenni: migliaia di fedeli devono battezzarsi di nuovo

Immagine di copertina
Credit: Pixabay

Per ben 26 anni un prete ha sbagliato la formula, e ora migliaia di fedeli devono ripetere il battesimo perché considerato non valido. Padre Andres Arango, prete della Chiesa di San Gregorio, Phoenix (Stati Uniti), per oltre due decenni ha infatti detto “ti battezziamo” anziché il corretto “io ti battezzo”. Una formula errata che non solo rende nullo il battesimo a quanti lo hanno ricevuto in questi anni, ma di conseguenza anche tutti i successivi sacramenti. Un vero e proprio disastro liturgico. Dopo l’errore, il sacerdote si è dimesso dal suo incarico scusandosi con i fedeli.

Ma ormai la frittata era fatta, per cui il vescovo della diocesi, Thomas Olmsted, ha informato i fedeli che “i battesimi compiuti dal reverendo Andres Arango non sono validi”. L’errore è stato scoperto circa sei mesi fa. “Dopo un attento studio da parte dei funzionari diocesani – si legge in una comunicazione ufficiale apparsa sul sito della chiesa – e dopo aver consultato la Congregazione per la dottrina della fede a Roma” è stato deciso che la formula usata dal parroco “Ti battezziamo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo” non può essere ritenuta accettabile perché “non è la comunità che battezza una persona” ha fatto sapere il vescovo, “ma è Cristo, e Lui solo, che presiede tutti i sacramenti, e dunque è Gesù che battezza”.

Per i malcapitati fedeli, dunque, tutto da rifare. Si tratta di migliaia di persone, che al momento di fatto non risultano battezzate. “Sono sinceramente dispiaciuto – ha scritto il vescovo – che questo errore abbia provocato un’interruzione della vita sacramentale di un certo numero di fedeli. Questo è il motivo per cui mi impegno a compiere ogni passo necessario per porre rimedio alla situazione per tutti coloro che sono stati colpiti”. Dalla diocesi specificano anche che chi è stato battezzato con la formula errata e ha ricevuto in seguito altri sacramenti, come ad esempio la cresima, dovrà ripeterli tutti.

Oltre alle dimissioni, padre Arango si è scusato direttamente con i fedeli colpiti dal suo sbaglio: “Mi rattrista apprendere di aver eseguito battesimi non validi durante il mio ministero sacerdotale usando regolarmente una formula errata. Mi rammarico profondamente del mio errore e di come questo abbia colpito molte persone”. Quello che all’occhio dei profani può sembrare un cambiamento di poco conto, è invece un grave errore dal punto di vista liturgico. Le parole pronunciate così come l’insieme degli altri rituali “sono un aspetto cruciale di ogni sacramento” spiegano dalla diocesi di Phoenix. Se ad esempio “un sacerdote usa il latte al posto del vino durante la Consacrazione dell’Eucaristia, il sacramento non è valido”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Finirà solo con la diplomazia". La Russia chiude il gas alla Finlandia. Mosca: "Azovstal è nostra"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Finirà solo con la diplomazia". La Russia chiude il gas alla Finlandia. Mosca: "Azovstal è nostra"
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino
Esteri / Nato, Mosca alla Svezia: “Convochi referendum, il sostegno è basso”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Fase finale sarà più sanguinosa". Mosca: "Azovstal è nostra"