Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il presidente della Macedonia ha bloccato la formazione di un nuovo governo

Immagine di copertina

Gjorgje Ivanov ha deciso di non conferire il mandato al leader dell'opposizione Zoran Zaev per proteggere l'unità del paese

Il presidente macedone Gjorgje Ivanov si è rifiutato di conferire l’1 marzo il mandato di formare il nuovo governo al leader dell’opposizione socialdemocratica Zoran Zaev. Secondo Ivanov si metterebbero in pericolo la sovranità, l’unità e l’indipendenza della Macedonia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Il riferimento del presidente è alla richiesta dei partiti della minoranza albanese con i quali Zaev aveva detto di aver trovato un’intesa per una nuova coalizione di governo. Richieste che riguardano un notevole rafforzamento dell’autonomia della comunità albanese – che rappresenta il 25 per cento della popolazione – in Macedonia, a partire dalla proclamazione dell’albanese come seconda lingua ufficiale, al pari del macedone. 

Tra le altre richieste ci sono anche quella di assumere su basi paritarie negli uffici statali i cittadini di etnia albanese, i libri di testo scolastici e le scritte in doppie lingue su tutte le insegne e i cartelli stradali, oltre a semplificazioni procedurali alle frontiere con Albania e Kosovo.

Il presidente Ivanov ha definito queste richieste inammissibili. Secondo lui, si tratterebbe di una piattaforma programmatica messa a punto in un paese straniero “con l’obiettivo di rompere l’unità e la sovranità di Skopje”.

“Il contenuto della piattaforma è contrario all’ordine costituzionale”, secondo Ivanov che aggiunge che così si rischia di entrare in una crisi ancora più grave.  

Il mandato di formare il governo era stato affidato a Zoran Zaev, leader dell’opposizione, dopo il primo tentativo fallito di creare un esecutivo a guida dell’ex premier conservatore Nikola Gruevski. Quest’ultimo aveva rimesso il mandato in seguito al suo rifiuto di accettare le condizioni poste dai partiti della minoranza albanese. 

Negli ultimi giorni alcuni sostenitori di Gruevski sono scesi in piazza denunciando il pericolo di una perdita di sovranità e di una divisione del paese, portando anche ad alcuni tafferugli per le strade della capitale. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla
Esteri / Taiwan prepara due esercitazioni di artiglieria. Si riducono operazioni della Cina, riprendono voli
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Esteri / Regno Unito, è morto Archie: i medici hanno staccato le macchine che lo tenevano in vita
Esteri / La tragedia dei “niños robados”: così 300mila bambini sono stati sottratti alle loro madri durante il franchismo