Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Finlandia la popolarità del partito populista al governo è diminuita

Immagine di copertina

Timo Soini, leader del movimento Finns, ha annunciato le sue dimissioni per giugno, aprendo una crisi nella dirigenza del partito populista al governo in Finlandia

Quando sono arrivati al potere in Finlandia nel 2015, i populisti del partito Finns avevano cavalcato l’onda del discontento per la crisi del debito nell’Unione europea. Due anni dopo la loro popolarità è diminuita, soprattutto perché non sono riusciti a portare a termine alcuni degli obiettivi del loro programma.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La conferma del periodo difficile che sta attraversando il partito finlandese arriva con le dimissioni annunciate dal suo leader storico, il ministro degli Esteri Timo Soini, che dovrebbero arrivare a giugno. Secondo gli analisti politici il declino del populismo finlandese sarebbe legato all’incapacità dei suoi dirigenti di prendersi delle responsabilità e di gestire il loro progressivo ingresso nell’establishment.

Sono due le possibili prospettive per l’era post Soini: la scelta di un leader più moderato per sostituirlo che potrebbe portare alla perdita di molti sostenitori oppure perseguire la strada dell’estremismo a rischio di essere marginalizzati.

Tra i punti più discussi dell’amministrazione finlandese in carica ci sarebbero l’incapacità di cancellare la tassa sulle automobili e l’approvazione di un provvedimento di salvataggio a sostegno della Grecia. In generale si registra la difficoltà dei partiti populisti nel rispettare le grosse promesse annunciate in campagna elettorale.

La situazione finlandese potrebbe servire da esempio ai vari governi che in Europa stanno affrontando il pericolo del populismo e suggerire la soluzione migliore tra l’integrazione delle loro idee o l’opposizione ferma per evitare le infiltrazioni degli estremismi.

In Olanda, in vista delle elezioni di aprile, i principali partiti hanno già aperto le porte al movimento anti islamico e anti europeista di Geert Wilder. In Svezia i gruppi extraparlamentari che hanno progressivamente guadagnato consenso nel paese non sono riusciti ancora a collaborare con i democratici svedesi mentre sembrerebbero più vicini ai conservatori. 

Il futuro post Soini è segnato dalla competizione per la nuova dirigenza del partito tra Sampo Terho, capogruppo di  Finns in Parlamento, e Jussi Halla-aho, che ha un seggio nel Parlamento europeo. Il cambiamento in vista potrebbe finire per esasperare le posizioni estremiste euroscettiche e generare instabilità nel governo, portando il partito a perdere il potere.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Iran: "Non c'è posto per le armi atomiche nella nostra dottrina nucleare"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Iran: "Non c'è posto per le armi atomiche nella nostra dottrina nucleare"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"
Esteri / Germania, arrestate due spie russe che preparavano sabotaggi
Esteri / Brasile, porta il cadavere dello zio in banca per fargli firmare un prestito: arrestata
Esteri / Michel: “Iran è una minaccia non solo per Israele, va isolato”. Teheran: “Potremmo rivedere la nostra dottrina nucleare di fronte alle minacce di Israele”