Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Porti chiusi a Malta: 350 migranti su barche turistiche al largo dell’isola

Immagine di copertina

Sono oltre 350 le persone a bordo delle imbarcazioni turistiche che Malta utilizza per tenere i migranti fuori dalle proprie acque territoriali. Un gruppo di 90 migranti è stato tratto in salvo nella notte tra lunedì 25 e martedì 26 maggio dalle unità della Marina militare maltese al largo dell’isola del Mediterraneo. Secondo quanto riferito dal quotidiano “Times of Malta”, i migranti sono stati trasferiti ieri a bordo delle tre navi da traghetto della compagnia Captain Morgan, portando il numero di persone ospitate a bordo a 350. Le notizie sulle loro condizioni sono ancora poche e frammentate. Un portavoce del ministero dell’Interno maltese ha confermato che otto minori e 18 donne sono sbarcati ieri a Malta ma non si troverebbero a bordo delle tre navi. “Attualmente ci sono più di 350 migranti a bordo delle Captain Morgan, la maggior parte dei quali provengono da paesi come il Bangladesh, il Marocco, la Nigeria, la Costa d’Avorio e altri paesi dell’Africa occidentale che sono considerati sicuri”, ha detto il portavoce.

Intanto, l’Agenzia per la salute dei richiedenti asilo maltese (Awas) ha richiesto l’accesso alle tre navi che ospitano i migranti. Una fonte dell’Awas, ripresa dalla testata giornalistica, ha affermato che il governo non ha ancora concesso all’organizzazione il permesso di salire a bordo delle tre navi. Secondo la fonte citata, il governo potrebbe temere da parte dell’Agenzia “una valutazione negativa delle condizioni” delle persone a bordo delle imbarcazioni.

A bordo delle barche i migranti avrebbero cominciato uno sciopero della fame, secondo quanto riferito da Alarm Phone nei giorni scorsi: la notizia è stata smentita da La Valletta, che non ha però ancora permesso all’Agenzia nazionale per i richiedenti asilo l’accesso alle imbarcazioni. Per Alarm Phone si tratta di “prigioni galleggianti”.

Quando, nei primi giorni di maggio, sono ripresi gli arrivi di migranti, il governo della Valletta si è limitato a far sapere che, essendo i propri porti chiusi come quelli italiani a causa dell’emergenza Coronavirus, i migranti salvati sarebbero stati trasferiti a spese dell’Ue su una nave ferma a 13 miglia dall’isola, dunque appena fuori dalle acque territoriali del Paese, fin quando la stessa Ue non se ne farà carico, visto che Malta non ha più posti per accogliere migranti e che finora i ricollocamenti promessi in passato da Bruxelles non sono mai avvenuti.

Mar Egeo, Guardia costiera turca salva 72 migranti: “Respinti da Atene”

Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei: distrutto il grattacielo dei media e la casa del capo di Hamas a Gaza
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Ti potrebbe interessare
Esteri / La torre Al Jala, sede di Ap e Al Jazeera, si sbriciola in una nuvola di fumo
Esteri / Pioggia di razzi su Tel Aviv, Israele reagisce con 150 raid aerei: distrutto il grattacielo dei media e la casa del capo di Hamas a Gaza
Esteri / Casa bombardata a Gaza, morti 8 bambini e 2 donne
Esteri / Maxi attacco a Gaza, distrutto palazzo dei media evacuato e i tunnel di Hamas. Finora i morti sono 139
Esteri / Pulizia etnica e giornalisti arrestati: in Etiopia non basta un premio Nobel per la pace
Esteri / Un milione di dollari in palio per chi si vaccina: la lotteria dell’Ohio per incentivare i No Vax
Esteri / "Io, scrittore israeliano, vi dico che l'inferno non finirà mai: Israele non sa riconoscere i suoi errori"
Esteri / Nuovi raid su Gaza, tre razzi lanciati dalla Siria. Finora 126 morti
Esteri / “I vaccinati causano infertilità e aborti”: i no-mask pensano addirittura di usare la mascherina
Esteri / In Cambogia migliaia di persone sono rimaste senza cibo e medicine a causa del lockdown