Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il porno dietro le quinte

Immagine di copertina

Una fotografa russa ha documentato i retroscena del settore pornografico in Spagna, che sta subendo forti cambiamenti

Katia Repina è una fotografa russa che vive a Barcellona, in Spagna. Ha raccontato il mondo dietro le quinte della pornografia, all’interno e fuori dal set. Il suo progetto si chiama Hacia el Porno (Into the Porn).

— LEGGI ANCHE IL REPORTAGE DI TPI SUL BUSINESS DEL SESSO IN SPAGNA  

Parallelamente, la fotografa ha sviluppato un altro servizio che ruota intorno alla figura della pornostar Marta Llàmame, che è anche il nome del progetto. Marta è entrata nel settore a 23 anni, non ha figli e non viene da una situazione economica difficile: la scelta di lavorare in questo ambiente dunque è stata frutto della sua volontà. Ma non si può dire lo stesso per tutte le attrici porno spagnole.

In particolare negli ultimi anni, l’industria del porno nel Paese è cambiata radicalmente: sempre più donne si avvicinano al settore nella convinzione che i guadagni siano maggiori rispetto ad altre occupazioni, e in questo senso la crisi economica in cui versa il Paese non è di aiuto.

— Leggi la storia: con la crisi economica, molte donne spagnole hanno cominciato a prostituirsi per riuscire a pagare bollette e rette universitarie 

Inoltre, la figura della pornostar in Spagna è associata a una vita piena di fama, ma non è sempre così: a causa della forte concorrenza, la maggioranza delle attrici non riesce a sopravvivere facendo solamente film o video porno, così molte di loro sono costrette, tra le altre cose, a prostituirsi.

“La pornografia è lo specchio della società in cui viviamo e tutto il nostro squallore si riflette in essa. Viviamo in un mondo dove la violenza contro le donne è parte della quotidianità, dunque non mi preoccupo del fatto che la pornografia sia sessista. È logico: abbiamo il porno che ci meritiamo”, ha detto al web magazine lettone FK Maria Llopis, una rappresentante del movimento spagnolo femminista post-porno che è contrario, tra le altre cose, alla pornografia mainstream.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, un giudice della Louisiana ferma il divieto di aborto: “Le interruzioni riprendano subito”
Esteri / Raid russo sul centro commerciale di Kremenchuk: le impressionanti immagini dell'attacco
Esteri / Madagascar, viaggio di nozze da incubo: “Nostra figlia è grave e nessuno ci aiuta. Fateci tornare”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, un giudice della Louisiana ferma il divieto di aborto: “Le interruzioni riprendano subito”
Esteri / Raid russo sul centro commerciale di Kremenchuk: le impressionanti immagini dell'attacco
Esteri / Madagascar, viaggio di nozze da incubo: “Nostra figlia è grave e nessuno ci aiuta. Fateci tornare”
Esteri / Sposa una bambola di pezza: matrimonio con 250 invitati e viaggio di nozze
Esteri / Zambia, acque infestate da vermi che depongono le uova nel corpo delle donne con conseguenze mortali
Esteri / Usa, strage di migranti in Texas: 46 persone trovate morte asfissiate all’interno di un camion
Esteri / Guerra in Ucraina, Turchia ritira il veto: via libera a Svezia e Finlandia nella Nato. Lavrov: "Più armi invia l'Occidente, più durerà la guerra"
Esteri / Ucraina, raid contro centro commerciale: “Dentro almeno mille persone”
Esteri / Tenta di fuggire dal marito dell’amante: uomo precipita dal quarto piano e muore sul colpo
Esteri / Usa, Ocasio-Cortez: “Sono stata violentata a 20 anni, grazie a Dio potevo scegliere se abortire”