Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un polpo catturato da un pescatore è fuggito dall’acquario per tornare in mare

Immagine di copertina

Era stato catturato da un pescatore locale nelle acqua della Nuova Zelanda. Ora è riuscito a scappare grazie a un errore umano

Sembra la trama di un film o meglio di un cartone animato dove il protagonista principale stavolta non è Nemo, il pesce della Pixar fuggito in mare per un atto di ribellione, bensì un polpo. 

A dare la notizia della fuga di Inky, il polpo che è ospite da diversi anni del National Aquarium di Napier, in Nuova Zelanda, è stato il direttore dell’acquario nazionale Rob Yarrell.

Era stato catturato da un pescatore locale. “Quando venne portato qui, il polpo aveva il corpo sfregiato e i tentacoli rovinati”.

Secondo le ricostruzioni fornite dallo staff che si è accorto della mancanza del cefalopode, Inky è riuscito a fuggire dalla vasca scivolando giù per un tubo di scarico di 50 metri di lunghezza e sia poi scomparso in mare.

Con ogni probabilità, il polpo è riuscito a evadere dall’acquario arrampicandosi con i tentacoli e le ventose sul vetro della vasca. Trovando uno spiraglio creato da un coperchio lasciato incautamente aperto dagli addetti alla manutenzione, il polpo ha strisciato sul pavimento per tre o quattro metri e ha poi raggiunto il tubo di scarico. 

I polpi non sono dotati di un’ossatura e il loro corpo è malleabile. Per questa ragione sono in grado di inserirsi in spazi estremamente ristretti. Sono inoltre dotati di una certa intelligenza, secondo quanto riportato da alcuni esperti.

“I polpi sono famosi artisti della fuga. Quando siamo arrivati la mattina successiva e non l’abbiamo visto, sono rimasto particolarmente sorpreso”, ha detto il direttore dell’acquario Yarrell.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”