Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La polizia francese costringe una migrante incinta a scendere da un treno a Mentone

Immagine di copertina

Il video dell'arresto di una famiglia di migranti, tra cui una donna incinta, da parte della polizia francese, avvenuto su un treno all'altezza di Mentone, città francese al confine con l'Italia

Il video dell’arresto di una famiglia di migranti, tra cui una donna incinta, avvenuto su un treno all’altezza di Mentone, città francese al confine con l’Italia, ha ricevuto circa 450mila visualizzazioni su Facebook e moltissimi commenti indignati.

S&D

Come riporta il sito NiceMatin, i fatti risalgono al 16 febbraio 2018.

Le immagini sono state girate con un telefono da Gaspard Flamand, Ulysse Goldman e Philémon Stines, tre studenti del primo anno all’Università di Cannes, che stavano tornando da un reportage a Ventimiglia sulle associazioni di aiuto dei migranti.

Al momento di essere fermato, il marito della donna incinta, parlando in inglese agli agenti, ha detto: “Perché ti fermi? Mi hai chiesto se sono un criminale? Sono con mia moglie, è incinta”.

L’uomo si è poi rifiutato di mostrare i documenti di identità dopo essere arrivato in Francia, molto probabilmente da Ventimiglia.

A quel punto la tensione si alza: il marito dice a un agente: “Non toccare mia moglie, è incinta!”, e il poliziotto che risponde: “Dammi il tuo bambino”.

Gi altri passeggeri intervengono preoccupati: “Per favore, ci sono bambini”, dicono agli agenti.

Gli stessi autori del video sono stati controllati mentre la donna è stata fatta scendere, presa a forza per le braccia e le gambe dai poliziotti.

“I CRS (un corpo della polizia nazionale francese con funzioni antisommossa e di protezione civile, ndr), sono saliti da ogni entrata”, hanno dichiarato gli autori del video.
“Hanno individuato le persone di colore e li hanno controllati. Ma di fronte a una famiglia e una donna incinta, hanno applicato il protocollo senza alcuna umanità. Era assurdo vederli così minacciosi e violenti. La maggior parte dei passeggeri era scioccata”, le parole dei giovani.

Una volta montato, il video è stato inviato all’Osservatorio nazionale francese sulla violenza della polizia.

Il 27 marzo 2018 è stato postato su Facebook da un surfista e poi condiviso dall’associazione che si batte per i diritti civili.

“Inimmaginabile”, “Inumano”, “Insopportabile”, sono stai i commenti da parte degli utenti alla visione del filmato.

Non si è fatta attendere la risposta della prefettura: “Non c’era nessuna violazione flagrante dei diritti delle persone”.

Il prefetto Georges-Francois Leclerc ha dichiarato: “Rinnovo la mia totale fiducia e intendo difendere l’onore della polizia che agisce sotto la sua autorità sul confine franco-italiano”.

Questo è il video che mostra l’arresto della famiglia di migranti sul treno a Mentone:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini