Covid ultime 24h
casi +20.709
deceduti +684
tamponi +207.143
terapie intensive -47

La polizia belga ha fermato un’auto sospetta con a bordo bombole di gas

L'uomo a bordo era amico intimo dell'attentatore che ha colpito l'aeroporto di Bruxelles. Si è rifiutato di rispondere alle domande delle autorità

Di TPI
Pubblicato il 2 Mar. 2017 alle 20:26 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 18:46
0
Immagine di copertina

Un’auto sospetta che trasportava bombole di gas è stata fermata a Bruxelles. Alla guida del mezzo c’era un amico intimo di Najim Laachraoui, il kamikaze responsabile dell’attentato all’aeroporto belga di Zaventem del 22 marzo 2016. L’uomo, che è stato arrestato, è accusato anche di aver svolto il ruolo di artificiere per gli attentati di Parigi del 13 novembre 2015. A riportare la notizia sono stati diversi media belgi, tra cui il sito del quotidiano Derniere Heure e la tv Rtbf.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Gli artificieri sono arrivati sul luogo dell’arresto, alla Porte de Halle, nel comune di Saint-Gilles. I testimoni sul posto hanno detto di aver sentito anche delle detonazioni.

Il fermato era già stato condannato a cinque anni di carcere per terrorismo. L’uomo aveva superato diversi semafori rossi e non aveva rispettato i limiti di velocità. Alla richiesta della polizia si è rifiutato di aprire il bagagliaio e non ha fornito risposte chiare sulla destinazione delle bombole. La zona è stata transennata per sicurezza ed evacuata. Anche la metropolitana è stata chiusa. 

La procura non ha rivelato le generalità dell’arrestato. È in corso un’inchiesta per stabilire la destinazione e il movente del trasporto delle bombole.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.