Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La polizia ha arrestato un tunisino sospettato di essere coinvolto nell’attacco di Berlino

Immagine di copertina

Nel frattempo le autorità cercano di ricostruire gli spostamenti del presunto attentatore Anis Amri: nessuna conferma che sia passato anche dai Paesi Bassi

Le autorità tedesche hanno fermato mercoledì 28 dicembre un tunisino che potrebbe essere coinvolto nell’attentato del 19 dicembre in un mercatino di Natale di Berlino in cui hanno perso la vita 12 persone.

Il presunto attentatore Anis Amri, un 24enne tunisino al quale era stato rifiutata la richiesta di asilo, aveva salvato nella rubrica del suo cellulare il numero di un connazionale di 40 anni, le cui generalità non sono state diffuse dalla polizia tedesca.

“Ulteriori indagini indicano che potrebbe essere coinvolto nell’attentato” di Berlino, precisa la procura tedesca spiegando “che per questo è stato temporaneamente preso in custodia”. Entro domani i magistrati decideranno se spiccare nei suoi confronti un mandato di arresto, conclude la nota. 

Secondo quanto riferisce Spiegel online citando “ambienti di sicurezza”, le perquisizioni sono avvenute nel quartiere di Tempelhof, nella parte meridionale della capitale tedesca.

Nel frattempo emergono nuovi tasselli sull’ultimo viaggio di Amri, quello che lo ha condotto a Sesto San Giovanni, mentre gli investigatori stanno passando al setaccio il suo passato.

La polizia olandese sta investigando per capire se il presunto attentatore sia passato per i Paesi Bassi immediatamente dopo avere compiuto la strage. La polizia ha confermato che la scheda sim trovata in possesso di Amri è olandese. 

Ma la scheda è “vergine” (ancora nella sua confezione), mai utilizzata. Niente prova dunque che il tunisino l’abbia acquistata personalmente nei Paesi Bassi e non, per esempio, avuta da altri. Non trova neppure conferma, come invece riportato da media olandesi e francesi, che Amri per raggiungere Lione sia partito da Amsterdam utilizzando un bus.

Dopo il fermo immagine dell’uomo alla stazione di Lione, martedì 27 dicembre la polizia ha diffuso la foto del suo passaggio alla stazione centrale di Milano. Le immagini delle telecamere lo riprendono poco prima dell’una di notte del 23 dicembre, nell’atrio dello scalo, diretto all’uscita. 

Si è avuta anche conferma di una sua sosta alla stazione ferroviaria di Bardonecchia, da dove è poi partito prima verso Torino Porta Susa, poi da Porta Nuova verso Milano.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Putin ai leader europei: “Pronti a riprendere dialogo ma basta armi”
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Ti potrebbe interessare
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Putin ai leader europei: “Pronti a riprendere dialogo ma basta armi”
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Putin a Macron e Scholz: “Pronti al dialogo con Kiev”. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson