Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Da Cambridge a Fiumicello: dopo 4 anni Pif riporta a casa la bici di Giulio Regeni

Immagine di copertina

Il viaggio di Pif che porta a casa la bici di Giulio Regeni, da 4 anni ferma all'università di Cambridge dove il ricercatore studiava

Una bici piena di ruggine e di adesivi con la scritta “Verità per Giulio Regeni” che da sola ha tanto da raccontare: ecco cosa ha trovato l’attore e regista Pif al suo arrivo a Cambridge, luogo di studi del ricercatore friulano ucciso nel 2016 al Cairo in Egitto.

Pif, accompagnato dai due giornalisti di Repubblica, Carlo Bonini e Giuliano Foschini, ha realizzato un breve reportage per raccontare il viaggio della bici di Giulio finalmente con destinazione casa.

Regeni, 4 anni dopo: tutta la fuffa della politica che ci ha preso in giro

“Abbiamo tolto la ruggine e pulito la bicicletta” comunicano i custodi dell’università inglese. “Avete una targa in onore di Giulio?” chiede Pif. Il custode tergiversa. Nel frattempo viene portata la bicicletta: è piena di adesivi attaccati dai suoi amici “Verità per Giulio Regeni”.

Arrivato al dipartimento in cui il giovane lavorava, Pif trova la sala a lui dedicata, vicina allo studio della tutor che ha mandato Regeni in Egitto, Maha Abdel Rahman. Pif si domanda: “Una persona che ai magistrati italiani non ha fatto altro che dire ‘non so, non ricordo’, si ricorderà che a pochi passi dal suo ufficio, ironia della sorte, c’è la stanza dedicata a Giulio?”

Il momento dell’arrivo della bici in Italia è molto toccante per tutti, per chi da anni chiede che su questa terribile morta sia fatta giustizia. Un momento importante specialmente per la famiglia di Giulio.

Arrivato a Fiumicello, ad accogliere lo spirito di Giulio ci sono la mamma Paola, il papà Claudio, la sorella Irene e l’avvocato della famiglia.

“Lei è tornata, ma Giulio no”, dice mamma Paola.

Il video reportage esclusivo realizzato da Pif con i giornalisti di Repubblica: u

Il 25 gennaio sono trascorsi esattamente 4 anni dal rapimento e dall’omicidio del ricercatore italiano. Ieri fiaccolate in decine di città. Il padre si appella a un nuovo ritiro dell’ambasciatore italiano e a lui arriva la promessa del presidente della Camera, Roberto Fico: “Il 2020 sarà l’anno della verità sull’omicidio”. Intanto, da Cambridge a Fiumicello il regista Pif ha riportato a casa la bici di Giulio.

Video di Alessandro Allocca:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Studente italiano ucciso a New York, ferito anche un altro connazionale. Arrestato l'aggressore
Esteri / Ambiente, lavoro, giovani e cannabis legale: la Germania prepara la rivoluzione culturale che investirà l’Europa
Esteri / L’addio commosso di Angela Merkel: “Grazie per la fiducia”
Esteri / Copenaghen, 31 persone trascorrono la notte nel negozio Ikea isolato dalla neve
Esteri / Un quiz per scoprire quanto ne sai sull’Hiv (e smontare le false credenze)
Esteri / India, i bambini muoiono per lo smog. Un decesso su dieci sotto i cinque anni è per l’inquinamento
Esteri / Dalla Francia a Israele: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale