Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La petizione per eliminare dal dizionario spagnolo l’espressione “sesso debole”

Immagine di copertina

La Reale Accademia di Spagna ha deciso di modificare l'espressione dal dizionario della lingua spagnola ma non di eliminarla

La Reale accademia di Spagna (Rae) ha deciso di modificare dal dizionario della lingua spagnola (Die) l’espressione “sesso debole”, che al momento è definita come “l’insieme delle donne”.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

La locuzione sarà modificata con un’aggiunta nella versione online del dizionario a dicembre 2017, come ha dichiarato un portavoce della Rae al quotidiano spagnolo El País. La modifica prevede la seguente aggiunta: “l’espressione è utilizzata con intento discriminatorio e dispregiativo”.

La decisione è stata presa in seguito alla petizione lanciata sulla piattaforma Change.org da Sara Flores Romero al fine di eliminare l’espressione e seguita dall’hashtag #yonosoyelsexodebil (io non sono il sesso debole). La richiesta ha riunito oltre 70mila firme negli ultimi giorni.

Nella petizione l’autrice mostra che il dizionario della lingua spagnola identifica il sesso debole con tutte le donne e associa l’espressione “sesso forte” a tutti gli uomini. Secondo la ragazza, nel 2017 non ci dovrebbero più essere queste forme linguistiche di maschilismo.

Nonostante la petizione, l’espressione non sarà rimossa dal dizionario della lingua spagnola.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Israele, Il ministro della Difesa Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Cpi". Sequestrate attrezzature tv nella sede di AP a Sderot: "Fornivano immagini ad al-Jazeera". Iran: le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gaza: oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Israele, Il ministro della Difesa Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Cpi". Sequestrate attrezzature tv nella sede di AP a Sderot: "Fornivano immagini ad al-Jazeera". Iran: le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore capo chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e i leader di Hamas. Israele: "Uno scandalo". Biden: "Oltraggioso". Hamas: "Equipara vittime e carnefice"
Esteri / Iran: Mokhber presidente ad interim. Ali Bagheri nominato ministro degli Esteri. Domani i funerali di Stato. Aperta un'indagine sull'incidente. Il Consiglio di Sicurezza Onu osserva un minuto di silenzio
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: eliminati nel Donbass 125 militari ucraini in 24 ore