Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La mattanza dei Condor delle Ande in Argentina: avvelenati dall’uomo con pesticidi illegali

Vittime collaterali degli allevatori e di uno dei pesticidi più potenti e dannosi al mondo | ATTENZIONE IMMAGINI FORTI

In Argentina il Condor delle Ande, tra i volatili più grandi del mondo, deve fare i conti con una nuova minaccia: i pesticidi, specialmente quelli illegali. Usati nell’agricoltura industriale delle pampas, dove vengono coltivati mais, soia e grano, i prodotti chimici sono stati trasformati dagli allevatori di bestiame in esche mortali per avvelenare i predatori interessati ai loro animali.

A denunciare quanto sta accadendo sono Aves Argentinas, associazione nazionale che tutela i volatili, e la fondazione ‘Programma di conservazione del Condor delle Ande‘, insieme ad altre associazioni ambientaliste. “Nell’ultimo anno sono morti in questo modo 90 esemplari – si legge nel comunicato diffuso dall’organizzazione – 23 solo nelle ultime settimane”.

 

Sigamos pidiendo la ley de trazabilidad y prescripción de agrotoxicos en el pais, entre todos podemos lograrlo !Para las generaciones futuras

Posted by Programa Conservación Cóndor Andino on Saturday, October 13, 2018

Il Carbofuran

Negli ultimi anni, secondo gli studi tossicologici realizzati dalla Fondazione Bionandina Argentina e dal Programma di Conservazione del Condor delle Ande, i vecchi veleni oggi proibiti, cari e difficili da trovare, come la estricnina, sono stati rimpiazzati da concentrati chimici ancor più pericolosi. Questi veleni, benché siano stati anch’essi messi al bando, continuano a essere usati perché sono facili da reperire. È il caso del Carbofuran, un pesticida tra i più potenti e dannosi.

Il Carbofuran viene usato soprattutto nelle coltivazioni industriali per difendere i campi di mais, soia, grano e patata dagli insetti. E ora è diventato un’arma ancor più pericolosa con cui gli allevatori intossicano le carcasse.

Le ripercussioni

Le conseguenze di questo uso illegale sono varie e vanno ben oltre il regno animale. In primo luogo gli effetti si ripercuotono sull’ecosistema: uccidendo i condor, si uccidono degli animali che, nutrendosi di carcasse, sono degli ‘spazzini’ naturali. In secondo luogo il veleno cosparso sulle esche raggiunge il suolo, inquinando quindi anche terreno fertile.

In tutta l’America del Sud sono 6.700 gli esemplari di Condor delle Ande rimasti, distribuiti lungo la Cordigliera delle Ande dal Venezuela alla Terra del Fuoco, nell’estremo sud. “Per una specie minacciata, 90 morti sono tanti, è una condanna all’estinzione”, dice Luis Jácome, presidente della Fondazione Bioandina.

“Facendo una proporzione con la popolazione umana, la morte dell’1,4% delle specie equivarrebbe a uccidere l’intera popolazione di Cile, Argentina, Bolivia e Perù in meno di due anni”, continua.

“La sostituzione di queste morti durerà per circa 150 anni”, avverte Jácome. Questo perché gli esemplari uccisi erano adulti, per cui insieme a loro è stata uccisa anche futura progenie.

“Per avere nuovi condor bisognerà aspettare che i giovani crescano”, precisa il presidente della fondazione. Un condor può vivere anche 75 anni, ma depone una o due uova all’anno. E i pulcini non raggiungono l’età fertile prima dei nove o dieci anni.

La petizione

La Fondazione Bioandina ha aperto una raccolta firma per chiedere una legge per regolamenti e monitori l’uso, la fabbricazione, lo stoccaggio, il trasporto, la commercializzazione, la pubblicità e la prescrizione di prodotti e sostanze destinati direttamente o indirettamente all’uso agricolo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg