Perù, il presidente Kuczynski si è dimesso

Pedro Pablo Kuczynski è stato investito da uno scandalo in cui è accusato di aver comprato i voti di alcuni parlamentari

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 22 Mar. 2018 alle 11:28 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 12:35
0
Immagine di copertina
Pedro Pablo Kuczynski , presidente del Perù. Credit Afp

Il presidente del Perù, Pedro Pablo Kuczynski, si è dimesso il 22 marzo 2018 dopo essere stato investito da uno scandalo in cui è accusato di aver comprato i voti di alcuni parlamentari.

Kuczynski ha negato le accuse, ma ha detto di non voler essere di ostacolo allo sviluppo del paese.

I leader dei partiti del Parlamento peruviano hanno accettato le sue dimissioni. Il 20 marzo l’ormai ex presidente aveva affrontato un voto sul suo impeachment.

La pressione di lui era aumentata dopo la pubblicazione di alcuni filmati in cui si vedono alcuni esponenti suoi alleati di governo offrire a membri dell’opposizione ricompense in denaro in cambio del sostegno al presidente.

In un discorso alla nazione, Kuczynski ha detto che il filmato è stato modificato per incriminarlo.

“L’opposizione ha cercato di dipingermi come una persona corrotta e sono riusciti a influenzare un gruppo di collaboratori ragionevoli e onesti intorno a me, coinvolgendoli ingiustamente in questa trama per distruggere il governo”, ha detto.

“Rifiuto categoricamente queste affermazioni infondate e ribadisco il mio impegno per un Perù onesto, morale ed equo per tutti”.

Già nel dicembre 2017 Kuczynski aveva superato indenne un voto di impeachment nei suoi confronti per un caso riguardante presunti finanziamenti illeciti dal gigante brasiliano delle costruzioni Odebreacht.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.