Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Le persone solitarie hanno una maggiore sensibilità

Diversi studi dimostrano come le persone che passano più tempo da sole siano più creative e originali

Di TPI
Pubblicato il 26 Dic. 2016 alle 16:43 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:16
0
Immagine di copertina

Secondo uno studio, pubblicato dalla rivista Cognitive Neuroscience, il cervello delle persone solitarie  funziona in maniera diversa rispetto a quello di chi si è solito circondarsi da amici e famiglia. Questo perché quando passiamo molto tempo in solitudine, il nostro cervello sviluppa un maggiore grado di sensibilità nei confronti del pericolo, anche conosciuto con il nome di ipervigilanza implicita. 

Lo studio analizzava le reazioni dinanzi al pericolo di persone che si sentono sole e quindi socialmente escluse, non di quelle che scelgono volontariamente di passare il proprio tempo in solitudine. 

Anche nell’area del cervello associata alle ricompense quotidiane, come il denaro e il cibo, 

noltre l’area del cervello associata alle ricompense quotidiane, come il denaro e il cibo, ha una minore attività nelle persone che sono sole. I volontari che hanno partecipato allo studio hanno compilato un questionario e in seguito hanno visionato delle immagini di persone felici senza reagire con gran entusiasmo perché la loro attenzione in questi casi non sarebbe rivolta alle emozioni positive ma a tutto ciò che potrebbe rappresentare una minaccia.

Serviranno studi più approfonditi per comprendere meglio il funzionamento del cervello delle persone che scelgono o subiscono la solitudine, tuttavia i ricercatori si trovano già di fronte a dei risultati interessanti.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.