Me

No, la donna nel video dell’uomo interrotto in diretta dai bambini non è la loro tata

Robert Kelly era in collegamento con la televisione nazionale britannica quando nel suo studio si sono introdotti due bambini, prontamente allontanati dalla mamma coreana

Di TPI
Pubblicato il 11 Mar. 2017 alle 12:45 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:39
Immagine di copertina

Durante una trasmissione di informazione della Bbc andata in onda nella mattina di venerdì 10 marzo, un esperto che parlava in collegamento dal suo studio è stato interrotto da due bambini, i suoi figli, entrati a sua insaputa nella stanza mentre parlava.

Robert Kelly, professore presso l’Università di Pusan, in Corea del Sud, stava commentando con toni seri e professionali l’impeachment del presidente del paese, ma all’improvviso la porta della stanza da cui era collegato si è aperta ed è entrata una bambina, poco dopo seguita da un altro bambino più piccolo su un girello.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il conduttore di Bbc News ha cercato di portare avanti l’intervista senza cedere alle risate per l’anomala ed esilarante situazione che riprendeva l’evidente imbarazzo dell’uomo e il disperato intervento di una donna asiatica entrata nella stanza per trascinare via i due bambini.

All’indomani della diffusione del divertente video, però, sono stati moltissimi i commenti degli utenti web e dei media che hanno presupposto che quella donna fosse la baby sitter, escludendo di fatto la possibilità che invece quella fosse la mamma.

In un articolo il sito time.com aveva titolato la notizia parlando di una “tata frenetica”, un tabloid britannico si è riferito a lei come la “tata spaventata”.

Invece la donna nel video è effettivamente la madre dei due bambini, il suo nome è Jung-un Kim ed è coreana. Di seguito una foto postata su Twitter dal professore che lo ritrae con la moglie.

(Il pezzo continua dopo la foto)

Come mai così tante persone hanno dato per scontato che quella fosse la tata?

Il blogger di Angry Asian Man, Phil Yu, ha riportato al Los Angeles Time che “le persone vivono ancora di stereotipi”. Il blogger ha infatti raccontato che quando la moglie gli ha inviato il video la prima cosa cui ha pensato è stato il risvolto sociologico della scena e delle reazioni delle persone: “Il video ha mostrato quale sia la considerazione delle persone bianche rispetto alle persone provenienti dalla Corea”. 

“Lo stereotipo più diffuso”, ha continuato il blogger, “è quello per cui le donne asiatiche sono viste come servili, passive e necessariamente legate a ruoli professionali di servizio. La conferma è arrivata proprio dal fatto che molte persone hanno presupposto che la donna nel video fosse la tata, soltanto perché coreana”. 

Dentro il Rojava, guerra di Siria

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**