Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Perché alcune persone non amano la musica

Immagine di copertina

Esiste una piccola percentuale di persone che si può considerare affetta da “anedonia musicale”, ovvero incapace di provare piacere attraverso la musica

Solitamente, la musica è uno strumento capace di creare emozioni profonde nelle persone, sia nel caso che un brano ci risulti insopportabile, sia che invece ci trascini euforici sulla pista da ballo o ci commuova per la sua bellezza.

Non per tutti però è così: come riportato dalla rivista statunitense The Atlantic, esiste una piccola percentuale di persone che si può considerare affetta da “anedonia musicale”, ovvero l’incapacità di provare piacere attraverso l’ascolto di brani o composizioni musicali.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Se l’anedonia è definita come la generale incapacità delle persone di provare piacere, ed è solitamente associata alla depressione, l’anedonia musicale non è sintomatica di un malessere interiore, ma una semplice condizione che i soggetti colpiti vivono come normale.

Se per alcune forme d’intrattenimento meno diffuse, il disinteresse può essere piuttosto frequente, l’anedonia musicale è considerata anomala perché per la maggior parte delle persone l’ascolto produce un aumento del battito cardiaco e della capacità della pelle di condurre corrente elettrica, segno di una stimolazione sensoriale.

Un recente studio, pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences, ha affrontato le risposte neuronali di 45 persone rispetto all’ascolto di musica, e ha evidenziato come nel caso degli anedonici, l’apparato uditivo e le aree del cervello legate al piacere non interagissero, al contrario invece degli appassionati. 

Per verificare che in altri ambiti le loro connessioni legate al piacere funzionassero, gli studiosi hanno svolto esperimenti legati per esempio alla vincita di somme di denaro, e hanno notato che in quel caso non c’erano disfunzioni di sorta.

– Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Ti potrebbe interessare
Esteri / Julian Assange, conclusa l’udienza finale: i giudici rinviano il verdetto sull’appello contro la procedura di estradizione
Esteri / Ilaria Salis incontra il deputato Ciani nel carcere di Budapest: “Condizioni migliori dopo il clamore in Italia”
Esteri / “Navalny ucciso con un colpo al cuore”: l’ipotesi del Times
Esteri / Gaza, il principe William: “Troppi morti, basta guerra”
Esteri / Usa all'Aia: "L'attacco del 7 ottobre dimostra esigenze di sicurezza di Israele". Knesset vota contro creazione "unilaterale" Stato palestinese
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa