Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Ecco perché l’Iraq è stato escluso dal nuovo Muslim Ban

Immagine di copertina

Nell'ordine esecutivo firmato dal presidente degli Stati Uniti, Baghdad non compare nella lista dei paesi a cui verrà impedito l'ingresso negli Usa per 90 giorni

Il nuovo ordine esecutivo sull’immigrazione, il cosiddetto Muslim Ban, firmato oggi dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, comprende i cittadini di sei nazioni, ma esclude l’Iraq, al contrario di quanto previsto nel primo provvedimento. 

Con il nuovo provvedimento si blocca infatti per 90 giorni l’ingresso nel paese dei cittadini musulmani provenienti da Iran, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Questa esclusione è dovuta principalmente a un motivo: l’assistenza che l’Iraq sta fornendo agli Stati Uniti nella lotta al cosiddetto Stato islamico. Tra le motivazioni riportate dalla Cnn ci sono anche ragioni diplomatiche.

Il segretario di Stato Rex Tillerson ha spiegato che l’esclusione dei cittadini iracheni dalla sospensione temporanea dei visti è motivata dal fatto che Baghdad è un “alleato importante nella lotta all’Isis”. 

L’Iraq ha commentato la decisione definendola un “messaggio positivo” per le relazioni tra i due paesi, parlando di una “vera partnership” tra Baghdad e Washington. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione