Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Perché quello di Trump al Congresso non era un discorso sullo stato dell’Unione

Nella notte Trump ha tenuto una relazione alle camere congiunte. Deve passare un anno dall'elezione del presidente perché possa tenere un discorso sullo stato dell'Unione

Di TPI
Pubblicato il 1 Mar. 2017 alle 12:30 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:46
0
Immagine di copertina

Quello che ha tenuto nella notte italiana tra martedì 28 marzo e mercoledì 1 marzo il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, non è stato un discorso sullo stato dell’Unione, ma un discorso al Congresso riunito in seduta comune. Tradizionalmente deve passare un anno dal momento dell’elezione del presidente affinché possa tenere un discorso sullo stato dell’Unione.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

A indicare quale sia il tipo di discorso del presidente in carica è lo speaker della Camera, in questo caso Paul Ryan. Ryan ha invitato Trump a tenere un discorso e non a riferire sullo stato dell’Unione.

Trump si è attenuto alla tradizione, come hanno fatto i suoi predecessori nel loro primo anno di presidenza, ritenendo che l’inquilino della Casa Bianca ricopra il suo incarico da troppo poco tempo poter descrivere autorevolmente lo stato dell’Unione.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.