Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Penelope Fillon parla in difesa del marito per la prima volta dall’inizio dello scandalo

Immagine di copertina

La moglie del candidato di destra Francois Fillon, accusata di aver ricevuto soldi per un lavoro da assistente parlamentare mai svolto, ha rilasciato un'intervista

La moglie di François Fillon rompe il silenzio sullo scandalo del finto lavoro da assistente parlamentare e parla in difesa del marito, candidato alle presidenziali francesi. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Oggi 5 marzo si terrà una manifestazione a Parigi, al Trocadero, a sostegno del candidato di destra. 

Dopo un mese di silenzio, Penelope Fillon ha rilasciato un’intervista a Le Journal du Dimanche sostenendo di aver svolto “diversi compiti” per il marito e lo ha inoltre esortato ad “andare avanti fino alla fine”.

“Soltanto lui può diventare presidente, resistere a tutto questo è una prova di incredibile coraggio”, ha detto la donna. 

Il partito repubblicano di cui fa parte Fillon, ha annunciato che terrà una riunione di emergenza “per valutare la situazione” tra la crescente inquietudine e il suo rifiuto di farsi da parte. La riunione dovrebbe tenersi nella serata di lunedì 6 marzo. 

Fillon si si trova al centro dello scandalo da qualche settimana, da quando il giornale satirico Canard Enchaîné aveva rivelato che la moglie e due dei suoi figli, Marie e Charles, erano stati pagati con ingenti somme di denaro per lavorare come suoi assistenti parlamentari, ma non vi erano prove dell’effettivo compimento di tale lavoro. Ma ha rifiutato fermamente di ritirarsi dalla corsa all’Eliseo lasciando il posto a un altro candidato repubblicano. 

Penelope, nell’intervista di oggi, ha sostenuti di aver effettivamente svolto tanti lavori diversi per il marito, dalla gestione della corrispondenza, alla stesura dei discorsi politici fino alla rassegna stampa. 

Sono tanti coloro che all’interno del partito repubblicano anno ritirato l’appoggio a Fillon e che ora auspicano che sia un altro il candidato del loro partito. 

Lo stesso domenicale francese sul quale è apparsa l’intervista a Penelope Fillon, ha pubblicato un sondaggio Ifop secondo il quale è ormai il 71 per cento dei francesi a non voler più una candidatura di Fillon all’Eliseo, mentre il 28 per cento vorrebbe che resistesse.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Ti potrebbe interessare
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”