Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I corridoi di ventilazione di Pechino contro l’inquinamento

Immagine di copertina

Il governo cinese sta incrementando considerevolmente gli sforzi per ridurre l'alto tasso di inquinamento in Cina

Le autorità di Pechino hanno reso noto che saranno creati alcuni corridoi di ventilazione con l’obiettivo di spazzare via l’inquinamento che notoriamente soffoca la capitale cinese.

Questi corridoi collegheranno le aree verdi con quelle a bassa densità abitativa della città, e gli ostacoli al continuo flusso di ventilazione all’interno di questi corridoi verranno costantemente rimossi.

Il governo cittadino non ha dato una scadenza temporale al progetto, ma ha reso noto che ci saranno cinque grandi corridoi larghi oltre 500 metri, ai quali se ne aggiungeranno diversi più piccoli.

L’inquinamento è un problema cruciale per la Cina, e per questa ragione il governo si è posto l’obiettivo di ridurre del 40 per cento, rispetto ai livelli del 2013, le emissioni di anidride carbonica nella città di Pechino, entro il 2020.

A creare livelli di smog così alti nella capitale cinese sono soprattutto le autovetture e gli stabilimenti industriali pesanti presenti in città.

Negli ultimi mesi, il governo ha aumentato i propri sforzi per ridurre l’inquinamento nel paese, soprattutto dopo che nel dicembre del 2015 per la prima volta è stato lanciato l’allarme rosso relativo all’eccessivo inquinamento atmosferico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce