Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Chi è Nikolai Patrushev, il secondo uomo più potente della Russia

Immagine di copertina

Nikolai Patrushev: il secondo uomo più potente della Russia

(questo articolo è un estratto di un reportage condotto da Filip Kovacevic per la rivista americana New Lines Magazine)

Nikolai Patrushev è un uomo alto, magro, dal volto rugoso e anonimo, ma è uno dei pochi che, quando parla con la sua voce acuta e nasale, il presidente Vladimir Putin è disposto ad ascoltare attentamente. Nato a giugno del 1951, pochi mesi prima di Putin, come il presidente russo Patrushev è figlio di genitori che hanno vissuto di persona l’assedio di Leningrado – oggi San Pietroburgo. Al liceo divenne compagno di classe di alcuni nomi ricorrenti nelle biografie sui più stretti alleati di Putin: Boris Gryzlov, ex ministro dell’Interno e presidente della Duma, e Sergey Smirnov, a lungo vice direttore dell’Fsb, i servizi di sicurezza federali.

Patrushev si è laureato in seguito presso l’Istituto navale di Leningrado, perseguendo lo stesso diploma in ingegneria degli attuali capi dell’apparato di sicurezza statale, dei servizi segreti esteri (SVR), Alexander Bortnikov e Sergey Naryshkin. A differenza di Bortnikov, Naryshkin e Putin tuttavia, Patrushev non è mai riuscito a entrare nella scuola superiore del KGB di Mosca, il principale istituto dei servizi di sicurezza, entrando invece in quella di Minsk, la seconda migliore dell’Unione sovietica.

Poco dopo il crollo dell’Unione, nel 1992, Patrushev si trasferì da San Pietroburgo all’ufficio regionale della sicurezza statale nella vicina regione di Karelia. la stessa dove Yuri Andropov, il potente direttore del KGB e successore di Leonid Brezhnev come leader sovietico. Patrushev è stato profondamente influenzato dalla figura di Andropov e dalla sua visione dei servizi di sicurezza e del sistema politico, come ha scritto il dissidente sovietico Roy Medvedev nella sua biografia su Andropov pubblicata nel 2006 – che divenne un best-seller nelle cerchie dell’Fsb.

Patrushev deve aver fatto bene il suo lavoro a Karelia, perché appena due anni dopo, nel 1994, gli venne offerta una posizione a Mosca da dove iniziò a rafforzare l’influenza dell’Fsb sulla politica russa a livello federale. La sua posizione gli permise di monitorare il potenziale delle risorse umane tra i ranghi dell’Fsb e dirigerne il flusso, trasferendo i suoi ex colleghi del direttorato di San Pietroburgo a Mosca. Uno di questi colleghi altri non era che Vladimir Putin.

Si potrebbe dire che fu proprio Patrushev a “scoprire” Putin, che dall’inizio della sua carriera ha sempre riconosciuto l’alto rango di Patrushev nella gerarchia del potere del Cremlino. Col tempo, Putin gli assegnò sempre posizioni che lo vedevano effettivamente nel ruolo di secondo al comando. Quando ad esempio Boris Eltsin nominò Putin primo ministro nel 1999, lui raccomandò Patrushev come suo successore alla direzione dell’Fsb. Oggi Patrushev ricopre il ruolo di segretario del Consiglio di sicurezza, il principale organo di sicurezza della Russia. Il 21 febbraio Putin riunì intorno a sé l’élite politica e militare nella prestigiosa Sala di S.Caterina al Cremlino per annunciare la sua decisione di riconoscere le due repubbliche autoproclamate nella regione del Donbass – Luhansk e Donetsk – come stati sovrani. Quando Patrushev prese parola, dichiarando che la Russia avrebbe ritenuto responsabile gli Stati Uniti – il glavniy provitnik, il principale avversario – per tutti i suoi guai, lo sguardo attento di Putin e i suoi gesti di approvazione verso il relatore valeva più di mille parole.

L’Occidente dovrebbe prendere alla lettera le parole di Patrushev e prepararsi a contrastare i suoi peggiori impulsi, incanalati da decenni di addestramento dentro il KGB. Ciò richiederà di pensare fuori dalla scatola. Potrebbe non essere in gioco solo la sopravvivenza della Russia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Pilota in pensione torna a combattere per Putin, ma muore in battaglia
Esteri / Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola
Esteri / La Cina ritira dalla circolazione un libro scolastico di matematica: “È pornografico”
Esteri / L’aereo Ita non risponde al centro radar: allarme nei cieli della Francia
Esteri / Guerra in Ucraina, ultime notizie. Zelensky: “Il Donbass sarà di nuovo ucraino”. Putin a Macron e Scholz: “Pronti al dialogo con Kiev”. L’Ue valuta missione navale per trasportare il grano ucraino
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX