Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:20
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Passa il salario minimo garantito

Immagine di copertina

La nuova legge tedesca, piuttosto che suscitare facili entusiasmi, dovrebbe stimolare una riflessione più informata

Il 3 luglio il parlamento tedesco ha dato il via libera all’approvazione di un salario minimo di 8.50 euro all’ora. Il provvedimento riguarderà circa 3.7 milioni di lavoratori; sono esclusi i giovani sotto i 18 anni, i lavoratori stagionali e i venditori di giornali. La norma entrerà in vigore il 1 gennaio 2015.

S&D

La misura era la condizione più rilevante posta dal partito socialdemocratico (Spd) nelle 185 pagine dell’accordo siglato con i cristianodemocratici (Cdu) della cancelliera Angela Merkel per formare il governo di groβe koalition.

Il salario minimo garantito in Germania è stato uno dei temi centrali del partito socialdemocratico durante la campagna elettorale del 2013.

Nell’Unione Europea rimangono senza salario minimo l’Austria, Cipro, la Danimarca, la Finlandia, la Svezia e l’Italia.

Il salario minimo garantito, talvolta confuso con il reddito di cittadinanza, è legato all’occupazione e allo svolgimento di un lavoro, mentre il secondo è una misura assistenziale volta a sostenere i disoccupati.

In Germania verrà utilizzato per determinare lo stipendio dei neo assunti per i primi sei mesi di impiego e andranno valutati gli impatti sugli 8 milioni di “mini jobs”, ovvero i lavori part-time esenti da tasse e contributi previdenziali da massimo 450 euro al mese che hanno salvato molti tedeschi dalla disoccupazione.

Il salario minimo in Paesi dove la contrattazione collettiva è molto strutturata (come in Italia) ha un’utilità limitata per quei lavoratori coperti da un contratto nazionale. Anzi, le critiche che, anche da sinistra, arrivano alla misura tedesca è che la determinazione di un salario minimo rischia di compromettere il potere di trattativa dei sindacati a livello nazionale appianando verso gli 8.50 euro del salario minimo l’importo di paga oraria delle diverse categorie.

Da questo punto di vista i lavoratori a tempo indeterminato coperti dal contratto collettivo nazionale in Italia non avrebbero molto da guadagnare da una legge sul salario minimo. Viste le attuali leggi sul lavoro non ne avrebbero molto giovamento nemmeno i numerosi precari dato che, come in Germania, la determinazione di una paga minima oraria sarebbe di difficile implementazione per i collaboratori occasionali o le “finte” partite IVA.

Per questo in Italia si parla più opportunamente di “reddito di cittadinanza” o di “sostegno per l’inclusione attiva”. I soggetti da tutelare maggiormente non sono infatti i lavoratori a tempo indeterminato ma precari e disoccupati. Le due misure, seppur con meccanismi e forme di finanziamento diverse, puntano a sostenere e tutelare le persone nei periodi di disoccupazione o a integrare il loro reddito sino a raggiungere livelli di sussistenza sufficienti.

Come sempre i problemi principali sul piatto rimangono due: trovare le risorse per finanziare questi interventi e creare maggiori posti di lavoro. Forse, dunque, il grande clamore suscitato dalla nuova legge tedesca andrebbe posto in una cornice di maggiore realismo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini