Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il partito comunista cinese rilancia il termine “compagni”, ma per tutti ormai significa “gay”

Immagine di copertina

Negli ultimi trent'anni, il termine "compagno", traslitterato dal cinese tongzhi, ormai in disuso in politica, è stato fatto proprio dalla comunità Lgbt

“Non Chiamatemi presidente, non chiamatemi segretario di partito. Chiamatemi compagno”. È l’appello del presidente cinese Xi Jinping ai 90 milioni di membri del partito comunista cinese per far tornare in auge la parola “compagno”, con cui tradizionalmente si indicavano i membri del partito. 

C’è però solo un problema. Negli ultimi trent’anni, il termine, traslitterato dal cinese come tongzhi è stato fatto proprio e reso di nuovo popolare, da una nuova comunità: quella dei gay e delle lesbiche cinesi.

Il termine “Tongzhi” o “compagno”, iniziò a cadere in disuso tra i quadri del partito dopo gli anni ’80, dopo la progressiva occidentalizzazione della società cinese.

Oggi la comunità Lgbt lo usa regolarmente. Il centro di Pechino per lesbiche, gay, bisessuali e transessuali si autodefinisce Pechino Tongzhi Zhongxin – Il centro di Pechino per i “compagni”.

Fan Popo, un attivista per i diritti gay e regista di Pechino, ha detto che in passato vi erano stati episodi in cui la comunità Lgbt era stata criticata per essersi appropriata di un termine usato tradizionalmente in politica.

Tuttavia per alcuni cinesi più giovani, che provavano vergogna a usare la parola tongxinglian (letteralmente omosessuale), tongzhi ha rappresentato una alternativa più facile.

“Ormai la gente si è abituata a questo nuovo significato”, ha detto Fan Popo al New York Times.

All’interno del partito, solo i leader di più alto rango sono generalmente indicati come “compagni”. Ai livelli più bassi il termine è stato rimpiazzato con altri. 

Dopo un incontro del Comitato centrale del Partito comunista tenutosi il mese scorso, i leader hanno emanato una direttiva sollecitando i membri del partito ad astenersi dall’uso di titoli e onorificenze in favore del ritorno “al passato rivoluzionario” e quindi al termine  “compagni”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa
Esteri / Morte della Regina: “Harry furioso per l’esclusione di Meghan da Balmoral”
Esteri / Il Cremlino avverte Kiev: “Dopo il referendum, ogni attacco in Donbass sarà contro la Russia”