Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Due parrucchiere positive al Coronavirus incontrano 140 clienti ma non contagiano nessuno

Immagine di copertina
Credit: EPA/PIYAL ADHIKARY

Usa, parrucchiere positive al Coronavirus non contagiano nessuno

Due parrucchiere positive al Coronavirus il mese scorso hanno incontrato nel loro salone 140 clienti, ma non hanno contagiato nessuno. L’insolita storia è stata diffusa dall’ultimo bollettino del Cdc statunitense secondo cui le persone si sarebbero salvate dall’infezione grazie alle mascherine. Il caso avvenuto nel negozio di parrucchiere di Great Clips a Springfield (Missouri) dimostrerebbe – a loro dire – che l’adozione dei sistemi di protezione individuale sono efficaci nel limitare i contagi.

Le due parrucchiere si sono ammalate a metà maggio, continuando però a lavorare per circa una settimana dopo la comparsa dei primi sintomi, attribuiti in un primo momento a una allergia. Una volta sottoposte al tampone, le due hanno scoperto di essere positive al Coronavirus. Così sono stati rintracciati tutti i clienti che erano stati a contatto con le due professioniste. Nei 14 giorni successivi di isolamento forzato nessuno dei clienti ha avuto i sintomi del Coronavirus e i 67 che hanno scelto di sottoporsi al tampone sono risultati negativi.

“Un uso appropriato e corretto dei dispositivi di protezione per il viso è uno strumento importante per minimizzare la diffusione del virus Sars-Cov-2 da persone presintomatiche, asintomatiche o sintomatiche – hanno affermato gli esperti del Cdc-. Il risultato di questo studio può essere usato per le decisioni di salute pubblica”.

I funzionari sanitari hanno definito incoraggiante l’esito del salone e stanno utilizzando il caso delle due parrucchiere del Missouri come un esempio per dimostrare la limitazione del contagio attraverso le mascherine. Diversi studi rivelano infatti che il distanziamento fisico e l’uso dei dispositivi protettivi sono infatti i due modi migliori per prevenire la trasmissione del Coronavirus. L’ultimo studio pubblicato sulla rivista scientifica Lancet ha dimostrato che la percentuale di trasmissione senza mascherine è del 17,4 per cento, che scende al 3,1 per cento quando viene indossata.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico