Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il parlamento ungherese ha respinto la riforma anti-migranti di Orban

Immagine di copertina

L'emendamento costituzionale era l'ultimo tentativo del primo ministro Viktor Orban di sottrarsi alle quote di accoglienza dei profughi previste dall'Unione europea

Il parlamento ungherese ha respinto martedì 8 novembre un provvedimento promosso dal primo ministro Viktor Orban che mirava a vietare nel paese l’accoglienza delle quote dei migranti stabilite dall’Unione europea. Il mancato appoggio dell’assemblea indebolisce il potere del premier nella lotta contro la politica di Bruxelles sui migranti.

La proposta di emendamento della costituzione non ha raggiunto per soli due voti la maggioranza dei due-terzi necessaria, ottenendo 131 favore dei 133 voti necessari.

Il partito di estrema destra Jobbik ha di fatto decretato la mancata approvazione boicottando il voto. Ma ha fatto sapere che sarebbe pronto a fornire il suo sostegno a Orban se un separato provvedimento, che consente agli stranieri di acquistare il diritto di residenza venisse eliminato.

Il partito conservatore di Orban, Fidesz, ha detto che il consiglio direttivo si riunirà per discutere la prossima mossa. Cedere a Jobbik sarebbe una scelta difficile dal punto di vista politico, dal momento che il capo dello staff del premier ha in precedenza definito la richiesta un “ricatto”.

La decisione di Orban di respingere migranti e rifugiati, anche attraverso il rafforzamento dei confini, ha provocato la reazione degli altri leader dell’Unione europea, soprattutto del presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi, che nelle scorse settimane ha minacciato di apporre il veto al bilancio dell’Ue se gli altri stati europei non avessero rispettato gli accordi sulle quote dei migranti.

L’Unione europea ha affrontato un flusso di 1,4 milioni di persone dall’inizio del 2015, molte delle quali in fuga da paesi in guerra come la Siria.

Orban sostiene che la modifica della costituzione era necessaria per onorare un referendum dello scorso ottobre in cui più di 3 milioni di ungheresi, hanno respinto le quote di migranti decise dall’Unione. Il referendum non era giuridicamente vincolante a causa della scarsa affluenza alle urne, ma ha fornito al premier una forte investitura politica per fermare la misura di Bruxelles.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Aborto, negli Stati Uniti stop in 66 cliniche dopo la sentenza della Corte Suprema
Esteri / Barboncino salta sul telecomando e compra accidentalmente 70 dollari di film per adulti
Esteri / Vladimir Kara-Murza, l’oppositore di Putin incarcerato e accusato di “alto tradimento”
Esteri / Russia, la minaccia atomica spaventa le élite militari di Mosca: “Pronti a rovesciare Putin”
Esteri / Parlamento Ue: “Europa prepari risposta in caso di attacco nucleare russo”
Esteri / Il giovane re degli scacchi accusato di aver barato più di 100 volte: forse “guidato con un vibratore”
Esteri / Al via il vertice di Praga: sul tavolo il tetto parziale al prezzo del gas
Esteri / Boom di antidepressivi in Russia dopo la “chiamata alle armi” di Putin: + 120%
Esteri / Forze Ucraina verso Kherson, sul tank russo sventola bandiera bianca. Il video
Esteri / Corea del Nord, nuovo lancio di missili balistici verso Mar del Giappone