Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il parlamento tedesco riconosce il genocidio degli Armeni

Immagine di copertina

Tensioni diplomatiche con la Turchia: l’iniziativa potrebbe mettere in discussione “l’amicizia” fra le due nazioni

Il parlamento tedesco ha approvato la risoluzione che riconosce come “genocidio” il massacro degli armeni ad opera dell’Impero Ottomano durante la Prima Guerra Mondiale.

La Turchia si è duramente opposta alla decisione del Bundestag tedesco: “Comprometterà seriamente i rapporti tra i due paesi”, è stata la replica immediata del presidente Recep Tayyip Erdogan

Il premier turco Binali Yildrim ha richiamato l’ambasciatore per consultazioni e ha dichiarato che l’iniziativa è stata un gesto “irrazionale” che potrebbe mettere in discussione “l’amicizia” tra Turchia e Germania, dove vivono 3,5 milioni di elettori di origine turca.

Ankara in questo momento ha un ruolo cruciale su una serie di dossier, dalla crisi migranti alla guerra civile in Siria, ma ha assicurato che in ogni caso non sarà questo voto a mettere in discussione l’accordo con l’Unione europea sui rimpatri.

Il popolo armeno sostiene che un milione e mezzo di persone morirono a causa delle atrocità commesse dall’Impero ottomano nel 1915. Centinaia di migliaia di civili furono deportati nelle regioni desertiche, dove persero la vita per gli stenti.

Più di venti nazioni, incluse Francia e Russia, e papa Francesco, hanno riconosciuto il massacro come un “genocidio”.

“C’è molto che lega la Germania alla Turchia e, anche se abbiamo differenze di opinione su un singolo tema, la portata dei nostri collegamenti, della nostra amicizia e dei nostri nostri legami strategici è troppo grande”, ha provato a smorzare l’impatto la cancelliera Angela Merkel.

La Turchia sostiene invece che il bilancio delle vittime è molto inferiore, intorno alle 300mila persone, e rifiuta l’utilizzo del termine “genocidio” perché sostiene che non ci sia stata durante la Grande Guerra una sistematica campagna per sterminare il gruppo etnico dei cristiani armeni ma che furono vittime dei tumulti seguiti al collasso dell’Impero Ottomano, al pari di migliaia di cittadini turchi.

LEGGI ANCHE: IL GENOCIDIO ARMENO, CENTO ANNI DOPO 

COS’È IL GENOCIDIO DEGLI ARMENI

1915-2015. RICORDANDO IL GENOCIDIO ARMENO

Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, scoppia un incendio in casa: muoiono mamma e figlia di 2 anni, grave il papà
Esteri / Frank Vallelonga Jr. trovato morto nel Bronx: addio all’attore di Green Book
Esteri / Istanbul, rilasciata l’italiana Procopio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Francia, scoppia un incendio in casa: muoiono mamma e figlia di 2 anni, grave il papà
Esteri / Frank Vallelonga Jr. trovato morto nel Bronx: addio all’attore di Green Book
Esteri / Istanbul, rilasciata l’italiana Procopio
Esteri / “Pacchi insanguinati” inviati alle ambasciate ucraine in Europa. Anche in Italia
Esteri / Usa, bimbo di 10 anni uccide la madre con una pistola: non gli aveva comprato un giocattolo
Esteri / Usa, partita di golf finisce in tragedia: giocatore strappa a morsi il naso del suo avversario dopo una lite
Esteri / Medico si addormenta al volante dopo un turno estenuante in ospedale e falcia 4 persone: condannato
Esteri / Attentato a Susanna Schlein (sorella di Elly) ad Atene: è la prima consigliera dell’ambasciata italiana
Esteri / Russia, Lavrov accusa: “Militari ucraini addestrati anche in Italia”. La smentita del ministero della Difesa
Esteri / Biden: “Pronto a parlare con Putin”. La risposta del Cremlino: “Prima gli Stati Uniti riconoscano come russe le regioni annesse”. E Macron lancia una conferenza per la pace a Parigi