Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Parlamento Ue approva direttiva sulle armi da fuoco, più controlli per acquisto e circolazione

Immagine di copertina

La legge ora attende di essere approvata dal Consiglio dei ministri dell'Unione europea

Il parlamento europeo ha approvato il 14 marzo 2017 una riforma della direttiva sull’acquisto e la circolazione delle armi da fuoco del 1991. Le modifiche alle disposizioni prevedono l’obbligo per gli stati membri di monitorare in maniera più stringente la concessione e il rinnovo delle licenze per il porto d’armi. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La legge era stata presentata al Parlamento nel dicembre del 2016 ed è stata approvata da una maggioranza di 491 votanti. Alle nazioni europee verrà richiesto di rafforzare i controlli soprattutto sulle armi che sparano a salve e che possono essere trasformate facilmente in armi da fuoco. Finora era possibile acquistarle in alcuni paesi senza controllo. Gli autori della strage nella redazione di Charlie Hebdo avevano usato proprio armi di questo tipo.

La direttiva modificata impone anche maggiori verifiche sulle armi disattivate: bisognerà accertarsi che siano rese non utilizzabili in maniera irreversibile. Le nuove regole puntano a rendere più facile tracciare le armi che vengono vendute all’interno dell’Unione europea. Inoltre, la direttiva stimola il raggiungimento di accordi tra gli stati per condividere le informazioni in un database comune.

La legge ora attende di essere approvata dall’altro organo legislativo comunitario, il Consiglio dei ministri dell’Unione europea. Da quel momento gli stati membri avranno 15 mesi di tempo per legiferare sull’argomento e 30 mesi per dotarsi di sistemi di raccolta dei dati. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”. Gallant: “Informazioni concrete su ostaggi detenuti a Rafah”. Tajani: “Sì a Stato palestinese, ma con garanzie per Israele”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco