Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Parlamento europeo intende reintrodurre i visti per i viaggiatori statunitensi nell’Ue

Immagine di copertina

Washington non permette ai cittadini di Bulgaria, Croazia, Cipro, Polonia e Romania di viaggiare senza permesso negli Stati Uniti

Il Parlamento europeo ha approvato giovedì 2 marzo una risoluzione con la quale chiede alla Commissione di prendere tutte le misure necessarie per reintrodurre temporaneamente la richiesta dei visti per i cittadini statunitensi.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Al momento Washington ancora non garantisce l’accesso senza permesso ai cittadini di cinque paesi europei. Con la risoluzione la Commissione è chiamata a prendere i provvedimenti adeguati entro due mesi.

I cittadini di Bulgaria, Croazia, Cipro, Polonia e Romania non possono entrare negli Stati Uniti senza il visto. Al contrario, i cittadini statunitensi possono viaggiare in tutta l’Ue senza possedere alcun permesso.

Seguendo una notifica di non reciprocità dei visti del 12 aprile 2014, la Commissione avrebbe dovuto adoperarsi entro il 12 aprile 2016, ma finora nessuna misura è stata presa. 

Anche il Canada richiede il visto per i cittadini bulgari e romeni, ma ha annunciato che li abolirà dal primo dicembre 2017.

Nella notifica dell’aprile del 2014 alla Commissione veniva spiegato che cinque stati non riconoscevano i diritti di reciprocità sui viaggi senza visti per alcuni stati membri dell’Ue. I paesi, oltre agli Stati Uniti, erano Australia, Brunei, Canada e Giappone. Australia, Brunei e Giappone hanno già abolito la richiesta di permessi per tutti i cittadini dell’Unione. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”
Esteri / Afghanistan, i talebani riprendono le esecuzioni pubbliche negli stadi: “Giustiziati tre uomini in cinque giorni”
Esteri / Iran: il cantante Mehdi Yarrahi va agli arresti domiciliari
Esteri / Biden: “Il buon sesso è la chiave per il successo di un matrimonio”
Esteri / Usa, soldato si dà fuoco davanti all’ambasciata di Israele: “Non sarò complice di un genocidio”
Esteri / Scambio di colpi tra Hezbollah e le Idf in Libano: 2 morti. Israele chiede le dimissioni del segretario generale Onu
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti
Esteri / Regno Unito, media: “Il tumore di Carlo III potrebbe essere più grave del previsto. Il re prepara la successione”
Esteri / Figlio del 7 ottobre, l’attivista israeliano Maoz Inon a TPI: “La guerra non fermerà il nostro sogno di pace”