Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

A Parigi gli studenti dei licei si sono scontrati con la polizia in nome di Théo

Immagine di copertina

Dopo aver bloccato l'ingresso dei licei, i ragazzi si sono riuniti in Place de la Nation per manifestare

Gli studenti di quindici licei di Parigi proseguono la protesta in sostegno di Théo, il ragazzo di 22 anni che ha denunciato un’aggressione violenta con stupro da parte di quattro poliziotti durante un fermo del 7 febbraio.

Lo riporta l’agenzia d’informazione francese AFP, descrivendo il blocco dell’ingresso dei licei nella capitale francese, avvenuto a partire dall’alba di giovedì 23 febbraio, soprattutto con cassonetti incendiati e paletti.

L’appello a non entrare a scuola e a partecipare alla manifestazione è stato diffuso sui social network da alcuni movimenti antifascisti. La protesta si è spostata in Place de la Nation, dove si sono verificati scontri con le forze di polizia.

I giovani hanno intonato cori come “Vendetta per Theo” e “Tutti odiano la polizia”. Alcuni manifestanti hanno cercato di rompere il cordone di sicurezza della polizia e lanciato pietre alle forze dell’ordine, che hanno risposto con attacchi di gas e lacrimogeni.

La presidente della regione di Parigi, Valérie Pécresse, ha pubblicato sul suo account di Twitter un messaggio di condanna. “Domando al governo di rendere sicuri i dintorni, di proteggere liceali, insegnanti e agenti”.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza