Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un tribunale per i vescovi che occultano i casi di pedofilia

Immagine di copertina

Papa Francesco ha creato una nuova sezione giurisdizionale del Vaticano per giudicare i vescovi che occultano e non collaborano al fine di prevenire i casi di pedofilia

Papa Francesco ha creato una nuova sezione giurisdizionale del Vaticano che servirà a giudicare i casi dei vescovi che occultano e non collaborano al fine di prevenire gli abusi sessuali sui minori da parte di membri del clero.

L’apposita sezione della Congregazione della dottrina della fede funzionerà come un vero e proprio tribunale: i vescovi cattolici sospettati di aver coperto o protetto i sacerdoti accusati di pedofilia nella loro diocesi saranno indagati.

È proprio a questo proposito che è stato introdotto il reato di abuso d’ufficio episcopale nel codice di diritto canonico del Vaticano, un crimine ora perseguibile per legge, con il quale si assicurerà che a essere puniti non siano soltanto i perpetuatori degli abusi ma anche i loro complici, più o meno diretti.

Nella lotta contro gli abusi sessuali all’interno della Chiesa, gli insabbiamenti sono da sempre uno dei problemi principali. In passato la Chiesa ha tentato di proteggere la sua immagine prima di tutto, spesso mettendo in secondo piano le vittime di questi abusi. 

Con questa riforma, Papa Francesco vuole promuovere una cultura che metta al primo posto la sofferenza delle vittime e la prevenzione di questi crimini.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: l’attivista per i diritti umani Oleg Orlov condannato a 2 anni e 6 mesi di carcere per un post su Fb
Esteri / Principe William diserta una cerimonia importante, “ragioni personali”. Inglesi preoccupati
Esteri / Navalny, la portavoce del dissidente morto in Russia: “Nessuna agenzia funebre disponibile per i funerali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: l’attivista per i diritti umani Oleg Orlov condannato a 2 anni e 6 mesi di carcere per un post su Fb
Esteri / Principe William diserta una cerimonia importante, “ragioni personali”. Inglesi preoccupati
Esteri / Navalny, la portavoce del dissidente morto in Russia: “Nessuna agenzia funebre disponibile per i funerali”
Esteri / Truppe Nato in Ucraina? La Francia "non esclude nulla" ma la Svezia: "Kiev non l'ha chiesto”
Esteri / Alessandra Mussolini: “Aggredita da uno sconosciuto a Strasburgo. Mi ha picchiata”. Il video-denuncia
Esteri / Biden: “Spero in un cessate il fuoco entro lunedì". Hamas e Israele frenano: "Troppo ottimista"
Esteri / “Cocaina, marijuana e funghi allucinogeni”: Harry a processo. Visto per gli Stati Uniti a rischio
Esteri / Ungheria, il parlamento ratifica l’adesione della Svezia alla Nato
Esteri / Nord Stream, dopo la Svezia anche la Danimarca chiude le indagini con un nulla di fatto: “È stato un sabotaggio deliberato ma non ci sono le basi per un’azione penale”. La Russia protesta: “Assurdo”
Esteri / Caso Navalny, l’entourage: “È stato ucciso perché stava per essere liberato in cambio di un ex ufficiale russo detenuto in Germania”