Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Papa Francesco ha paragonato le notizie false al nutrirsi di escrementi

Immagine di copertina

Il pontefice ha detto che i giornalisti devono evitare di cadere nella coprofilia, cioè l’interesse eccessivo e patologico negli escrementi e i lettori nella coprofagia

Papa Francesco ha criticato il sistema dell’informazione per l’eccessiva attenzione negli scandali che porta a diffondere notizie false che possono discreditare le persone nella vita pubblica.

Disinformare, calunniare gli avversari politici, sporcare la gente, è “il peggior peccato che i media possono commettere”, ha detto il pontefice in un’intervista al settimanale belga Tertio.

Con parole forti, Bergoglio ha detto che i giornalisti non devono cadere nella malattia della coprofilia, cioè un interesse eccessivo e patologico negli escrementi. E i lettori che si interessano in queste storie rischiano di comportarsi come i coprofagi, cioè coloro che si nutrono di escrementi.

I media, ha spiegato Bergoglio, scusandosi per la terminologia, devono “essere molto limpidi, molto trasparenti, e non cadere nella malattia della coprofilia, che è voler sempre comunicare lo scandalo, comunicare le cose brutte, anche se sono verità. E siccome la gente ha la tendenza alla malattia della coprofagia, si può fare molto danno”.

Papa Francesco ha anche messo in guardia sul rischio di utilizzare i media come canali per colpire e “sporcare” i rivali politici: “Possono essere usati come mezzo di diffamazione. Nessuno ha il diritto di fare questo. È una colpa e fa male.”

Infatti, ha ricordato il pontefice, “nella calunnia si dice una bugia sulla persona; nella diffamazione si mostra una cartella. Come diciamo in Argentina, se hace un carpetazo. E si scopre qualcosa che è vero, ma che è già passato, e per il quale forse si è già pagato con il carcere, con una multa o con quel che sia”.

I media, però, secondo il papa possono fare danno anche solo con la disinformazione, cioè dire solo una parte della verità e non l’altra perché orientano l’opinione pubblica nella direzione che vuole.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione
Esteri / Gaza, 104 morti fra la folla in fila per la farina. Hamas: “Spari rischiano di far saltare negoziati”. Onu: “Crimini di guerra da entrambe le parti”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione
Esteri / Gaza, 104 morti fra la folla in fila per la farina. Hamas: “Spari rischiano di far saltare negoziati”. Onu: “Crimini di guerra da entrambe le parti”
Esteri / Ungheria: “Sorprendono le interferenze italiane sul caso Salis”
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”
Esteri / La moglie di Alexei Navalny: “Putin è un mafioso sanguinario, non un politico”
Esteri / Guerra Israele-Hamas, le ultime notizie. Bozza di tregua ad Hamas: 40 ostaggi per 400 palestinesi. | DIRETTA
Esteri / Arabia Saudita, giustiziate 7 persone per “terrorismo”
Esteri / Alain Delon, sequestrate 72 armi nella sua casa di campagna
Esteri / Arrestato a Mosca l’avvocato che ha aiutato la madre di Alexei Navalny a riavere il corpo