Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Stuprava i colleghi della figlia all’università per estorcere confessioni e denaro: arrestato papà-orco

Immagine di copertina

Stuprava i colleghi di Università della figlia: papà orco arrestato

Un padre accusato di aver abusato dei colleghi di università di sua figlia è stato arrestato negli Stati Uniti e accusato di estorsione, sfruttamento sessuale e lavoro forzato.

Ne danno notizia diversi media anglossassoni, tra cui la Bbc. Secondo i pubblici ministeri che hanno indagato sul caso, Lawrence “Larry” Ray avrebbe esorto circa un milione di dollari, pari a oltre 900mila euro, agli studenti del Sarah Lawrence College di New York, abusandoli “emotivamente, fisicamente e sessualmente”.

La storia del “papà orco” è stata raccontata per la prima volta dal New York Magazine, che ha elencato tutti i dettagli del “culto” di Ray, un padre 60enne che nel corso degli ultimi dieci anni avrebbe abusato di una quantità di vittime incalcolabile.

“Non vi era limite all’abuso da parte di Ray, e non c’è modo di conoscere la portata dei danni che potrebbe aver causato alle sue vittime negli anni a venire”, ha detto il vicedirettore dell’FBI William Sweeney.

L’uomo è stato arrestato martedì 11 febbraio nello stato del New Jersey.

Secondo quanto riportato nel 2019 dal New York Magazine, Ray ha iniziato ad abusare dei colleghi di sua figlia nel 2010, dopo essere stato rilasciato dal carcere, dove era finito per accuse legate a una disputa sulla custodia della ragazza.

Ex informatore dell’Fbi, era uno stretto collaboratore dell’ex capo della polizia di New York, Bernard Kerik, con cui aveva lavorato a un delicato caso di corruzione.

Una volta libero, Ray si è trasferito nel dormitorio della figlia, spacciandosi per consulente che offriva agli studenti sessioni di “terapia”.

Durante le sedute, cercava di ottenere informazioni sulla vita privata di chi soffriva di disturbi mentali, e convinceva i “clienti” ad allontanarsi dalla famiglia per lasciarsi aiutare da lui in un appartamento a Manhattan.

Gli inquirenti hanno raccontato che l’uomo, dopo aver ottenuto la fiducia dei ragazzi, ha iniziato ad accusarli di averlo danneggiato e a pretendere per questo un risarcimento. Per estorcere le confessioni umiliava sessualmente e violentava i suoi clienti.

In un’occasione, dopo aver accusato uno studente di aver danneggiato la sua casa, Ray lo ha minacciato di smembrarlo con un coltello in cambio della sua falsa confessione.

Le vittime, pur di liberarsi dell’uomo, drenavano i conti dei propri genitori e aprivano linee di credito. Secondo le autorità, il padre avrebbe ottenuto quasi 500mila euro da una donna dopo averla costretta a prostituirsi e costretto molte persone a lavorare gratis.

Ray nega le accuse e sostiene che siano il risultato di una cospirazione ai suoi danni.

Intanto, lo staff del Sarah Lawrence College ha descritto le accuse come “gravi, inquietanti e sconvolgenti” e assicurato di aver avviato un’indagine interna dopo la pubblicazione della storia sul New York Magazine.

Leggi anche:
Violentata dal padre per anni, Jeni si crea 2.500 personalità diverse per sopravvivere agli abusi
Genova: abusi sulla figlia. Madre, padre e patrigno arrestati dai carabinieri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi