Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Violentata dal padre per anni, Jeni si crea 2.500 personalità diverse per sopravvivere agli abusi

L'incredibile storia di Jeni dà speranza alle vittime d'abusi. "La vostra diagnosi non è più una condanna"

Di Nicola Simonetti
Pubblicato il 10 Set. 2019 alle 12:58 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:11
1.3k
Immagine di copertina
Jeni Haynes

Jeni Haynes e le sue 2.500 personalità per sopravvivere agli abusi

Lo ha annunciato Jeni Haynes durante il processo contro il padre pedofilo lo scorso marzo. C’era solo una donna al banco dei testimoni, ma erano 6 le personalità che hanno attestato le atrocità subite dalla giovane australiana.

Fino all’età di 11 anni, Jeni è stata ripetutamente violentata dal padre, Richard Haynes, in quello che le forze dell’ordine hanno definito uno dei peggiori casi di abuso del Paese.

Per superare il dolore, la mente di Jeni ha creato 2.500 identità diverse. È quanto ha riportato la stessa Jeni quando ha finalmente affrontato il padre in tribunale attraverso sei delle sue personalità, tra cui una bambina di 4 anni di nome Symphony.

“Non avevamo paura. Avevamo aspettato così a lungo per dire a tutti cosa ci aveva fatto, e adesso non poteva più zittirci”, ha detto. “Gli abusi di mio padre erano calcolati e programmati. Lo faceva deliberatamente e ne amava ogni instante”.

Jeni Haynes e il padre

Haynes aveva anche convinto la figlia di essere in grado di leggerle la mente, minacciando di uccidere la madre se solo osasse pensare agli abusi. Aveva ridotto le attività extra-curriculari della figlia poiché geloso delle attenzioni degli altri adulti, come il maestro di nuoto.

JENI HAYNES/ NINE NETWORK

Violentata dal padre Jeni si crea 2.500 personalità | La diagnosi

“Il disturbo dissociativo dell’identità è una vera e propria strategia di sopravvivenza” ha spiegato il dottor Pam Stavropoulos in riferimento al caso di Jeni. “Funziona come un complicato ed estremo meccanismo di rifugio. È la risposta ad abusi e traumi estremi vissuti da bambino”.

La prima personalità sviluppata da Jeni è stata quella di Symphony. “Ha sofferto ogni minuto delle violenze di papà e quando abusava di me, sua figlia Jeni, in realtà abusava di Symphony” ha chiarito la vittima.

Con il passare degli anni, Symphony ha sviluppato nuove personalità, ognuna delle quali era volta a contenere un particolare elemento dell’abuso. “Ho preso ciò che avevo di prezioso, di importante e speciale e l’ho nascosto da papà così che quando mi violentava non stava abusando un essere umano pensante” ha spiegato Symphony.

Il processo, svoltosi dopo dieci anni di minuziose indagini, è stato presieduto da un solo giudice, poiché considerato troppo traumatico per una giuria. Due giorni dopo l’inizio del processo, il padre di Jeni si è dichiarato colpevole di 25 dei 367 capi d’accusa. “I più terribili” ha detto Jeni.

Jeni Haynes

Jeni è convinta che le sue personalità le abbiano salvato la vita, ma che l’abbiano anche resa cento volte più difficile. “Avere 2500 voci diverse, opinioni e comportamenti è difficile da gestire”.

1 condanna per 2.500 persone

Il padre di Jeni è stato condannato a 45 anni di prigione. Il giudice ha detto che era “impossibile” che la sentenza riflettesse la gravità degli abusi.

Jeni ha concluso la sua intervista a un’importante emittente inglese dicendo: “Voglio che le persone conoscano la mia storia. Voglio che le violenze subite quando avevo 10 anni siano ciò che serve per spianare la strada a chi verrà dopo di me. Se soffrite di disturbo dissociativo dell’identità per colpa di abusi, giustizia può essere fatta. Potete andare dalla polizia ed essere creduti. La vostra diagnosi non è più d’ostacolo alla giustizia”.

Violentata dal padre Jeni si crea 2.500 personalità, il racconto

Ghosting, la psichiatra a TPI: “Quando il partner scompare all’improvviso senza spiegazioni”

1.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.