Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il padre che ha pedalato 2.000 km per incontrare il ragazzo a cui fu trapiantato il cuore di sua figlia

Immagine di copertina

Domenica 18 giugno, dopo aver pedalato quasi un mese, Bill Conner è arrivato a Baton Rouge, dove ha abbracciato il ragazzo che gli ha porto uno stetoscopio per sentire il suo battito cardiaco

Per Bill Conner, un uomo di 57 anni del Wisconsin, quella del 18 giugno, che negli Stati Uniti corrisponde alla tradizionale Festa del papà, non è stata una giornata qualunque come in pasato.

Quest’anno infatti sua figlia Abbey, vent’anni, non era con lui a festeggiarlo, essendo stata trovata senza vita a gennaio scorso sul fondo di una piscina durante un viaggio con la famiglia, probabilmente dopo aver bevuto un drink nel quale qualcuno aveva aggiunto delle droghe.

Sin da quando aveva 16 anni, però, la ragazza si era registrata come donatrice di organi, e quindi quando ne fu decretata la morte in un ospedale di Fort Lauderdale, in Florida, quattro organi e altri tessuti del suo corpo furono utilizzati per salvare le vite di diverse persone.

Per questa sua prima Festa del papà senza sua figlia, Conner ha quindi deciso di chiedere all’ospedale di contattare chi aveva ricevuto gli organi di sua figlia per incontrarlo, e solo uno di loro ha risposto in modo affermativo, il ventunenne Loumonth Jack Jr..

Il giovane di Lafayette, Louisiana, aveva un’aspettativa di vita di dieci giorni quando miracolosamente era arrivato il cuore di Abbey a salvargli la vita con un trapianto.

A questo punto Conner ha deciso di rendere ancora più significativo e simbolico l’incontro con l’uomo salvato da sua figlia, ed è quindi salito in sella alla sua bici pedalando per circa duemila chilometri per andare a trovare il giovane.

Quando finalmente domenica 18 giugno, dopo aver pedalato quasi un mese, è arrivato a Baton Rouge, Louisiana, Conner ha abbracciato il ragazzo, che gli ha porto uno stetoscopio per sentire il suo battito cardiaco, in un momento di grande commozione per entrambi.

Secondo l’uomo, il viaggio non è stato solo un modo per ritrovare sua figlia, ma anche una maniera per incoraggiare chiunque a diventare donatore di organi. Il suo viaggio infatti non è ancora finito: dopo aver incontrato Loumonth, Conner continuerà fino a Fort Lauderdale, dove morì sua figlia, per visitare l’ospedale promuovendo la donazione di organi e gettare le ceneri di Abbey nell’oceano.

Questo il momento in cui i due si sono finalmente incontrati:

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Esteri / Germania: via libera dal Bundestag alla liberalizzazione della cannabis
Ti potrebbe interessare
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Esteri / Germania: via libera dal Bundestag alla liberalizzazione della cannabis
Esteri / È nata un’app di incontri riservata a persone molto benestanti: come funziona “Score”
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: “Lanceremo una nuova controffensiva”
Esteri / Spagna, incendio brucia un mega-condominio a Valencia: 4 morti, 14 feriti e 14 dispersi
Esteri / Israele, Netanyahu presenta il suo “Piano per il dopo Hamas” a Gaza. Ecco cosa prevede
Esteri / Israele chiede all'Onu di intervenire contro Hezbollah, "o lo faremo noi". Germania: vittime palestinesi denunciano il cancelliere Scholz per "complicità in genocidio"
Esteri / I Paesi Baltici annunciano un’area di difesa comune, Grigore-Kalev Stoicescu a TPI: “Siamo pronti a difenderci dalla Russia”
Esteri / Due anni di guerra e un’America sempre più lontana: l’Europa è al bivio