Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Our War, il documentario sui giovani occidentali che vanno in Siria a combattere l’Isis

Immagine di copertina

Chi sono i ragazzi che lasciano tutto per fronteggiare il sedicente Stato Islamico, inseguendo il sogno democratico del Rojava? E per chi combattono?

Ci sono giovani occidentali che lasciano tutto per andare a combattere l’Isis in Siria. Giovani che hanno fatto del conflitto che da anni dilania il paese, una loro guerra, nella quale si sentono chiamati a partecipare attivamente.

Karim, Joshua e Rafael sono dei foreign fighters. Un ex-marine statunitense, un attivista politico italiano e una guardia del corpo svedese accomunati da una scelta: andare a combattere il sedicente Stato Islamico. 

Arruolati come volontari nelle Unità di Protezione Popolare (YPG) in Rojava, la regione controllata dai curdi nel Nord della Siria, i tre ragazzi si impegnano sul campo a sostenere la loro lotta. Il documentario Our War racconta la loro scelta, gli incubi e le speranze di giovani che hanno lasciato tutto per combattere nel teatro di uno dei conflitti più complicati degli ultimi decenni, inseguendo il sogno democratico di Kobane. 

In due anni, i curdi sono diventati una forza determinante nel conflitto, riconquistando ampie aree della Siria. Tra i gruppi che fronteggia il sedicente Stato Islamico vi sono i peshmerga del Governatorato del Kurdistan iracheno e le Unità di protezione popolare del Rojava, neonata regione autonoma, governata con principi democratici e comunitari. 

Considerati dalla Turchia e dalla Nato un’organizzazione terroristica, i combattenti del YPG auspicano la nascita di una regione democratica in Siria. Un’alternativa a monarchie, tiranni e islamisti. Non stupisce dunque che questi ragazzi, come tanti altri, si siano uniti ai curdi. Ma per chi combattono?

Il documentario, dei giornalisti Benedetta Argentieri (collaboratrice di TPI) Claudio Jampaglia e del film-maker Bruno Chiaravalloti, racconta una guerra che sembra più lontana da noi di quanto in realtà non sia. Our War umanizza e dona un volto a chi ogni giorno rischia la propria vita per una giusta causa e un grande sogno: liberare Kobane. 

Il documentario è stato presentato in anteprima alla Mostra dell’Arte Cinematografica di Venezia 2016 e sarà proiettato in diverse città italiane, quali Milano, Roma, Cagliari, Vercelli, Perugia, Genova Torino e Ferrara. 

— Leggi l’articolo di Benedetta Argentieri da Damasco per TPISIRIA, ASSAD STA VINCENDO: VIAGGIO NELLA CAPITALE DEL REGIME 

Per vedere il film a Roma, il 24 gennaio 2017, è possibile acquistare il biglietto qui 

Di seguito, il trailer del film documentario:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Esteri / Il Tribunale di Budapest chiede all’Europarlamento di sospendere l’immunità a Ilaria Salis
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Esteri / Il Tribunale di Budapest chiede all’Europarlamento di sospendere l’immunità a Ilaria Salis
Esteri / Scivola dal tapis roulant e precipita dalla finestra: muore a 22 anni
Esteri / Julian Assange è libero: torna in Australia dopo aver patteggiato con gli Usa
Esteri / Gaza, Oms: "Impedita evacuazione di 2.000 feriti da Rafah"
Esteri / Media: 8 palestinesi uccisi in un raid israeliano a Gaza. Borrell: “La guerra sta per espandersi”
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”