Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Otto poliziotti afghani sono stati uccisi per errore in un raid americano

Immagine di copertina

Il fuoco amico ha colpito un checkpoint della polizia in una provincia meridionale che da mesi subisce le incursioni dei Taliban

Un bombardamento dell’aviazione statunitense domenica 18 settembre ha ucciso otto poliziotti afghani in servizio nella provincia meridionale di Uruzgan, da mesi sotto attacco dei Taliban.

L’aviazione degli Stati Uniti ha compiuto attacchi nella provincia per supportare le truppe di Kabul e respingere l’offensiva dei Taliban che recentemente sono arrivati vicini a conquistare la capitale provinciale, Tarin Kot.

Gli aerei americani sono intervenuti perché l’autostrada per Kandahar era stata attaccata dai Taliban, ma per sbaglio è stato colpito un checkpoint della polizia afghana, uccidendo otto agenti.

Il comando militare degli Stati Uniti ha confermato che l’aeronautica ha compiuto un bombardamento nell’area dell’incidente, ma ha specificato che i bersagli “stavano sparando e rappresentavano una minaccia per le forze di sicurezza afghane”.

“È stato un errore da parte degli americani. È mancato il coordinamento tra loro e la polizia afghana”, ha detto invece il presidente del consiglio provinciale di Uruzgan Abdul Karim Khadimazi, che ha anche confermato il numero delle vittime.

Le truppe afghane, con il supporto degli Stati Uniti e consiglieri militari provenienti anche da alcune nazioni europee stanno combattendo i Taliban, che da oltre quindici anni sono insorti contro il governo di Kabul appoggiato dagli occidentali.

La provincia di Uruzgan è stata per molti anni una delle regioni meridionali più contese con i Taliban, anche perché il leader e fondatore del movimento, il Mullah Omar, sarebbe nato qui.

Ma la regione ha un alto valore simbolico anche per l’esercito afghano, perché la campagna militare per cacciare i Taliban dal paese lanciata dall’ex presidente Hamid Karzai nel 2001, iniziò proprio da qui.

A settembre, dopo essere avanzati gradualmente nei mesi precedenti, i Taliban hanno lanciato un attacco alla capitale della provincia, Tarin Kot, costringendo in meno di un giorno alla ritirata le forze di sicurezza afghane.

Solo quando sono arrivati i rinforzi dalla vicina Kandahar e dall’aviazione degli Stati Uniti, l’esercito è riuscito a riprendere il controllo della città. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce Radio Free Europe/Radio Liberty: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Bielorussia, morto in carcere oppositore di Lukashenko
Esteri / Russia, confermati gli arresti per il giornalista del Wsj Evan Gershkovich: resterà in carcere fino al 30 marzo
Esteri / Putin regala un’auto di lusso a Kim Jong-Un in segno di “amicizia”
Esteri / Julian Assange, udienza decisiva: l'ultimo appello contro l'estradizione negli Usa
Esteri / Usa pongono il veto al Consiglio di sicurezza Onu sulla risoluzione dell'Algeria per una tregua nella Striscia. Israele, ministro Smotrich: riportare a casa gli ostaggi "non è la cosa più importante"
Esteri / Ucraina, media: “Gli Usa valutano la fornitura di missili a lungo raggio ATACMS a Kiev”
Esteri / Papua Nuova Guinea, scontri tra tribù rivali: almeno 49 morti
Esteri / Regno Unito: scatta il bando totale ai telefoni cellulari nelle scuole
Esteri / Le lettere di Navalny dal carcere: "Qui non è cambiato nulla dall'Urss"