Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ora è possibile ospitare i rifugiati a casa propria con Airbnb

Immagine di copertina

La piattaforma di alloggi online ha messo a disposizione degli utenti una pagina che permetterà di condividere gratuitamente delle sistemazioni con rifugiati e sfollati di ogni parte del mondo

Già nel febbraio 2017 la piattaforma di appartamenti in affitto Airbnb aveva approfittato dell’evento televisivo più seguito dell’anno negli Stati Uniti, il Super Bowl, per diffondere uno spot pubblicitario dedicato all’accoglienza dei rifugiati.

In contemporanea, sul sito della compagnia era stato diffuso un comunicato in cui si annunciava l’idea di creare una piattaforma in cui gli iscritti potessero concretamente fare qualcosa per aiutare chi è in fuga da guerra, fame e altre calamità.

Gli amministratori delegati avevano scritto: “Crediamo nella semplice idea che, indipendentemente da chi siamo, da dove veniamo, da chi amiamo o a chi indirizziamo le nostre preghiere, noi tutti dobbiamo avere la possibilità di sentirci a casa. […] Oggi ci siamo fissati l’obiettivo di fornire alloggi a breve termine a 100.000 persone che ne hanno bisogno.

Inizieremo dai rifugiati, dai superstiti e dai volontari, anche se nel corso del tempo desideriamo dare un aiuto a molte altre categorie di persone. Lavoreremo con gli host della nostra community per fare in modo che chi si trova in queste condizioni possa trovare non solo un luogo dove stare, ma anche una rete sociale dove poter interagire con gli altri, dove sentirsi rispettato e nuovamente parte di una community”.

Ora quel progetto è diventato realtà, e come annunciato negli ultimi giorni sul sito di Airbnb, è ora a disposizione degli utenti una piattaforma che permetterà di rispettare quell’impegno, ossia condividere gratuitamente delle sistemazioni con rifugiati e sfollati di ogni parte del mondo.

È possibile visitare la sezione del sito dedicata a questa iniziativa e mettere a disposizione un alloggio per chi ne abbia bisogno, con la collaborazione di agenzie di sostegno riconosciute dal governo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson
Esteri / Vettel contro Orban: indossa la maglietta pro Lgbt. “Sostengo chi soffre, squalificatemi”
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo