Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’oro della Turchia: il business dell’edilizia che ha stravolto l’aspetto del Paese e il suo tessuto

Immagine di copertina

Il libro di Giovanna Loccatelli descrive i grandi progetti realizzati da Erdogan e una società in cui le barriere sociali e architettoniche sono all'ordine del giorno. Postfazione a cura di Alberto Negri

L’oro della Turchia: il business dell’edilizia che ha stravolto l’aspetto del paese e il suo tessuto

Recep Tayyip Erdoğan è l’architetto della yeni Türkiye, la “nuova Turchia”.

Nella sola città di Istanbul, sono stati costruiti progetti a dir poco megalomani. In alcune zone, i grattacieli si sono moltiplicati. I centri commerciali sono diventati il segno distintivo di un nuovo modo di vivere. Le comunità residenziali chiuse hanno accentuato il fenomeno della segregazione spaziale. L’urbanizzazione selvaggia ha scardinato il tessuto sociale di interi quartieri. Uno stravolgimento che ha investito non solo le città ma anche i cittadini: la classe media si è allargata e il divario tra ricchi e poveri è aumentato drammaticamente. Tutto questo è l’oro della Turchia voluto fortemente da Erdoğan e che oggi, complice una forte crisi economica, potrebbe smettere di luccicare.

Il volume della giornalista freelance Giovanna Loccatelli descrive i grandi progetti che sono stati realizzati e quelli ancora in cantiere. Racconta una società, soprattutto nelle grandi città, in cui alte barriere sociali e architettoniche sono all’ordine del giorno. Mette l’accento sulle fragilità di un’intera categoria sociale, i beyaz Türkler. Spiega come la vittoria di Ekrem İmamoğlu sia anche la rivincita dell’ambientalismo contro l’iper-urbanizzazione targata Akp. Risponde, infine, a una domanda: fino a quando durerà l’oro della Turchia di Recep Tayyip Erdoğan?

Giovanna Loccatelli, giornalista freelance, ha collaborato tra gli altri con “The Guardian”, “la Repubblica”, “La Stampa”, “The Post Internazionale”, “Huffington Post Italia”, “Il Fatto Quotidiano”.

Negli ultimi dieci anni ha vissuto prima al Cairo e poi a Istanbul. Ha pubblicato Twitter e le rivoluzioni (Editori Riuniti, 2011), sul ruolo dei social network nella primavera araba, e Diario di una giornalista italiana (Al Arabi, 2015, prima edizione in arabo) sulla sua esperienza lavorativa in Egitto dal 2011 al 2014.

La postfazione del libro è a cura di Alberto Negri.

Leggi anche:

L’ascesa della Russia di Putin non passa solo dalla Siria

Arresti e censura: in Turchia i giornali non possono criticare i raid di Erdogan contro i curdi

Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Ti potrebbe interessare
Esteri / Egitto: la seconda udienza del processo contro Patrick Zaki dura solo due minuti, chiesto il rinvio
Esteri / Brexit, crisi del carburante nel Regno Unito: Boris Johnson allerta l’esercito
Esteri / Afghanistan, i talebani vietano il taglio della barba
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice