Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’oro della Turchia: il business dell’edilizia che ha stravolto l’aspetto del Paese e il suo tessuto

Immagine di copertina

Il libro di Giovanna Loccatelli descrive i grandi progetti realizzati da Erdogan e una società in cui le barriere sociali e architettoniche sono all'ordine del giorno. Postfazione a cura di Alberto Negri

L’oro della Turchia: il business dell’edilizia che ha stravolto l’aspetto del paese e il suo tessuto

Recep Tayyip Erdoğan è l’architetto della yeni Türkiye, la “nuova Turchia”.

Nella sola città di Istanbul, sono stati costruiti progetti a dir poco megalomani. In alcune zone, i grattacieli si sono moltiplicati. I centri commerciali sono diventati il segno distintivo di un nuovo modo di vivere. Le comunità residenziali chiuse hanno accentuato il fenomeno della segregazione spaziale. L’urbanizzazione selvaggia ha scardinato il tessuto sociale di interi quartieri. Uno stravolgimento che ha investito non solo le città ma anche i cittadini: la classe media si è allargata e il divario tra ricchi e poveri è aumentato drammaticamente. Tutto questo è l’oro della Turchia voluto fortemente da Erdoğan e che oggi, complice una forte crisi economica, potrebbe smettere di luccicare.

Il volume della giornalista freelance Giovanna Loccatelli descrive i grandi progetti che sono stati realizzati e quelli ancora in cantiere. Racconta una società, soprattutto nelle grandi città, in cui alte barriere sociali e architettoniche sono all’ordine del giorno. Mette l’accento sulle fragilità di un’intera categoria sociale, i beyaz Türkler. Spiega come la vittoria di Ekrem İmamoğlu sia anche la rivincita dell’ambientalismo contro l’iper-urbanizzazione targata Akp. Risponde, infine, a una domanda: fino a quando durerà l’oro della Turchia di Recep Tayyip Erdoğan?

Giovanna Loccatelli, giornalista freelance, ha collaborato tra gli altri con “The Guardian”, “la Repubblica”, “La Stampa”, “The Post Internazionale”, “Huffington Post Italia”, “Il Fatto Quotidiano”.

Negli ultimi dieci anni ha vissuto prima al Cairo e poi a Istanbul. Ha pubblicato Twitter e le rivoluzioni (Editori Riuniti, 2011), sul ruolo dei social network nella primavera araba, e Diario di una giornalista italiana (Al Arabi, 2015, prima edizione in arabo) sulla sua esperienza lavorativa in Egitto dal 2011 al 2014.

La postfazione del libro è a cura di Alberto Negri.

Leggi anche:
L’ascesa della Russia di Putin non passa solo dalla Siria
Arresti e censura: in Turchia i giornali non possono criticare i raid di Erdogan contro i curdi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo
Esteri / Usa, Biden fatica a indossare la giacca, poi gli cadono gli occhiali
Esteri / Parigi, paura all’aeroporto Charles De Gaulle: uomo armato di coltello ucciso dalla polizia
Esteri / Ucraina, bombardamenti russi a Nikopol: 11 morti e 13 feriti
Esteri / Scoperto un nuovo virus di origine animale in Cina: 35 persone contagiate dal Langya
Esteri / Taiwan: “Cina prepara invasione dell’isola. Le manovre militari proseguono”
Esteri / Trump, l’Fbi ha perquisito la casa dell’ex presidente in Florida. Portate via scatole di documenti
Esteri / È morta Olivia Newton-John: la star di “Grease” aveva 73 anni
Esteri / Congo, i Caschi Blu sparano e uccidono civili: il fallimento dell’Onu di cui nessuno parla